Un nuovo modo di pagare il bollo auto (con pagoPA)

Home PA Digitale Un nuovo modo di pagare il bollo auto (con pagoPA)

Il progetto pagoBollo di ACI, che ha dato la possibilità ai cittadini di pagare il bollo auto online, è stato selezionato tra i progetti finalisti dei Premi “Agenda Digitale” 2019.

11 Febbraio 2020

F

Redazione FPA

Photo by Martin Widenka on Unsplash - https://unsplash.com/photos/NXj1Fn466pM

Pagare il bollo auto online non è mai stato così semplice. Il progetto di ACI e ACI Informatica, che ha dato la possibilità ai cittadini italiani di pagare questo tributo online con pagoPA, è stato selezionato tra i progetti finalisti dei Premi “Agenda Digitale” 2019 dell’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano.

Gli obiettivi di questo progetto sono stati tre:

  • rendere il bollo auto un tributo il cui incasso transa attraverso il Nodo dei Pagamenti (pagoBollo/ pagoPA) estendendo quindi l’attività di incasso del pagamento dello stesso a tutte le reti dei Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) collegate al nodo (oltre 160.000 punti di servizio per il cittadino sul territorio nazionale);
  • creare uno “strato” di servizi comuni a tutte le Amministrazioni titolari del tributo per il controllo, monitoraggio e corretta riconciliazione dei versamenti con la relativa posizione tributaria;
  • ACI, attraverso una procedura aperta per la ricerca di Prestatori di Servizi di Pagamento per l’erogazione di servizi finanziari di incasso e riversamento relativi a tasse automobilistiche e tributi di competenza della Pubblica Amministrazione, ha dotato tutta la propria rete fisica rappresentata dalle 1250 Delegazioni a marchio ACI, di un collegamento diretto con pagoPA rendendo quindi possibile le attività di incasso di tutti i tributi dovuti alla Pubblica Amministrazione anche presso la propria rete.

Pagare il bollo auto: ecco il progetto di ACI

Il progetto pagoBollo di ACI, realizzato in collaborazione con AgID e il Team per la Trasformazione Digitale, ha permesso ai cittadini di pagare in modo agevole il bollo auto, direttamente da casa o dai propri device mobili. Inoltre, tramite un sofisticato sistema gestionale, è possibile garantire la certezza del tributo dovuto, in modo tale da non creare contenziosi tra cittadini e regioni.

Tra l’altro, per quello che riguarda le regioni, le provincie autonome di Trento e Bolzano e l’Agenzia delle Entrate, che sono gli enti pubblici gestori di questa tassa, tramite pagoBollo è possibile individuare automaticamente l’Amministrazione alla quale è destinato ogni singolo pagamento del bollo (cd. localizzatore), garantendo l’esatta riscossione di competenza.

I benefici

Il progetto pagoBollo ha avuto diversi impatti sia verso l’interno di ACI che verso l’esterno:

  • l’aumento della capillarità e la condizione di “concorrenza” fra i vari riscossori del tributo, grazie all’innovativo sistema di orchestrazione dei vari archivi e delle regole di calcolo regionali con il quale pagoBollo ha offerto una “vista nazionale” ai vari PSP aderenti a pagoPa;
  • il sistema di orchestrazione dei vari archivi, ha consentito significativi risparmi di spesa grazie alla razionalizzazione di alcune funzioni di controllo ed alla riduzione del contenzioso;
  • inoltre è stato possibile superare gli alti costi di gestione della riscossione (dovuti alle commissioni bancarie), che si erano resi necessari per garantire i pagamenti con moneta elettronica;
  • grazie anche a pagoBollo è possibile ora digitalizzare le ricevute ed offrire al cittadino la possibilità di custodirle in modo automatico nel proprio cassetto fiscale.

Su questo argomento

Automazione dei processi e Intelligenza Artificiale per nuovi servizi nella PA