Una poesia e un'immagine per augurarvi un buon 2014 - FPA

Una poesia e un’immagine per augurarvi un buon 2014

Home PA Digitale Una poesia e un’immagine per augurarvi un buon 2014

Carissimi,
augurare un Buon Natale e un anno felice di questi tempi è un azzardo. Ci provo con tutto il cuore, facendomi aiutare da un talismano. Il primo è dato dalle parole di incoraggiamento di Bertolt Brecht che ci incitano a trovare un senso alla nostra vita attraverso l’amore (ci ho messo assieme uno dei quadri di Chagall che amo di più).

Vi auguro quindi un buon 2014, in cui essere semplici come colombe, ma astuti come serpenti, perché è un anno chiave e non possiamo rischiare di perdere l’occasione del cambiamento.

Con affetto

Carlo

19 Dicembre 2013

C

Carlo Mochi Sismondi

Articolo FPA

Carissimi,
augurare un Buon Natale e un anno felice di questi tempi è un azzardo. Ci provo con tutto il cuore, facendomi aiutare da un talismano. Il primo è dato dalle parole di incoraggiamento di Bertolt Brecht che ci incitano a trovare un senso alla nostra vita attraverso l’amore (ci ho messo assieme uno dei quadri di Chagall che amo di più).

Vi auguro quindi un buon 2014, in cui essere semplici come colombe, ma astuti come serpenti, perché è un anno chiave e non possiamo rischiare di perdere l’occasione del cambiamento.

Con affetto

Carlo

AMARE IL MONDO

Quadro di ChagallCi impegniamo, noi e non gli altri, 
unicamente noi e non gli altri,
né chi sta in alto, né che sta in basso,
né chi crede, né chi non crede.
Ci impegniamo:
senza pretendere che gli altri si impegnino per noi,
senza giudicare chi non si impegna,
senza accusare chi non si impegna,
senza condannare chi non si impegna,
senza cercare perché non si impegna.
Se qualche cosa sentiamo di "potere"
e lo vogliamo fermamente
è su di noi, soltanto su di noi.
Il mondo si muove se noi ci muoviamo,
si muta se noi ci facciamo nuovi,
ma imbarbarisce
se scateniamo la belva che c’è in ognuno di noi.
Ci impegniamo:
per trovare un senso alla vita,
a questa vita
una ragione
che non sia una delle tante ragioni
che bene conosciamo
e che non ci prendono il cuore.
Ci impegniamo non per riordinare il mondo,
non per rifarlo, ma per amarlo. 

                                                        [Bertolt Brecht]