Elisa Ferreira: “La riforma della PA tra strategie di ripresa e politiche di coesione”

Home Programmazione Europea Elisa Ferreira: “La riforma della PA tra strategie di ripresa e politiche di coesione”

Una PA di qualità e innovativa capace di attuare la transizione ecologica e digitale del Paese. L’intervento della Commissaria europea Elisa Ferreira a FORUM PA 2022, sullo sviluppo della capacità amministrativa nel quadro del NextGenerationEU e della Programmazione europea 2021-2027

14 Giugno 2022

Elisa Ferreira, Commissaria europea per la Coesione e le Riforme, è intervenuta alla prima giornata di FORUM PA 2022, l’evento “inclusivo in onore della PA e della sua innovazione”, come lo ha definito la Commissaria UE, che si sta svolgendo dal 14 al 17 giugno all’Auditorium della Tecnica a Roma e online.

La Pubblica Amministrazione è un “fedele custode dell’Europa” e in questo momento storico, secondo la Commissaria UE Elisa Ferreira, deve assumere un ruolo ancora più nevralgico per permettere il superamento delle crisi, la ripresa economica e condurre le società verso una transizione ecologica e digitale.

“In primo luogo – ha spiegato Ferreira – abbiamo bisogno di una PA di qualità per superare le prossime crisi. Col COVID abbiamo percepito il valore delle Pubbliche Amministrazioni che si danno molto da fare, sono state essenziali per far fronte alla crisi sanitaria e alla crisi economica. Solo con una PA moderna ed efficiente possiamo essere certi che gli aiuti economici arrivino ai nostri cittadini, alle nostre aziende e alle amministrazioni”.

“L’Italia – ha aggiunto la Commissaria – è stata tra i primi tredici Paesi a presentare ufficialmente il PNRR il 30 aprile 2021. Questo piano ambizioso rendeva necessario un approccio politico innovativo, supportato da una PA estremamente operativa. Questa caratteristica dovrà essere mantenuta nei prossimi mesi e anni per attuare il piano e realizzare investimenti strategici e riforme che preparino il campo per le sfide e le opportunità della transizione ecologica e digitale”.

“In terzo luogo – ha concluso Ferreira – le PA saranno essenziali nella transizione a lungo termine. L’ottavo rapporto per la Coesione sull’andamento nelle regioni d’Europa ha rilevato un’insidia per lo sviluppo identificando due fattori chiave: sistemi di innovazione e istituzioni. E la PA ha un ruolo essenziale aiutando la popolazione ad adattarsi alla società del futuro e allo stesso tempo devono riformare digitalizzare e rendere più ecologici i propri processi”.

Su questo argomento

Mario Nava: “Il PNRR e l'Europa del futuro: dalla pandemia come acceleratore di cambiamento alla sfida della ripartenza”