Riforma PA

Bonisoli (Formez PA): “Formare e innovare per rafforzare la capacità amministrativa”

Bonisoli (Formez PA): "Formare e innovare per rafforzare la capacità amministrativa"
Home Riforma PA Bonisoli (Formez PA): “Formare e innovare per rafforzare la capacità amministrativa”

Rafforzare la capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni è l’obiettivo del DL 80/2021, decreto attraverso il quale sono stati regolati i concorsi e le modalità di assunzione del personale della PA. A più di un anno dalla sua approvazione, abbiamo fatto un bilancio con Alberto Bonisoli Presidente di Formez PA, parlando di lavoro, formazione, innovazione e provando a immaginare l’amministrazione del futuro

19 Dicembre 2022

F

Redazione FPA

In vista dell’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), misure urgenti sono state introdotte per rafforzare la capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni. Con l’approvazione del cosiddetto “decreto Assunzioni” (decreto legge n. 80/2021), sono state infatti definite le nuove modalità per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali. Un anno dopo la sua emanazione, insieme ad Alberto Bonisoli, Presidente di Formez PA, abbiamo fatto un bilancio, analizzando i punti di forza di questo decreto e soffermandoci su come vivere il presente immaginando l’amministrazione del futuro.

Bonisoli (Formez PA): "Formare e innovare per rafforzare la capacità amministrativa"

Concorsi, formazione e innovazione sono state le tematiche principali affrontate dal Presidente Bonisoli, che ha ribadito l’importanza delle persone e della loro crescita. Persone che prima di tutto devono essere attirate al mondo della pubblica amministrazione. Ma in che modo? Secondo Alberto Bonisoli i punti da cui partire sono due: l’immagine dell’organizzazione e la formazione.

Il modo in cui un’organizzazione si rappresenta nei confronti del pubblico è per Bonisoli la chiave di tutto. Non basta la pubblicazione di un bando in Gazzetta per attrarre le persone. “Ci sono altre forme di comunicazione – dichiara Bonisoli ai nostri microfoni – che ad esempio Formez PA ha sperimentato utilizzando i social, anche parlando in un modo nuovo che non sia l’articolo, la nota, il comunicato e che può rappresentare che cosa succede, come si vive e come si lavora all’interno di un’organizzazione”.

Questa narrazione, questo modo di comunicare ha portato infatti da subito esiti positivi: attraverso campagne social, discorsi non tecnici ma racconti di persone che lavorano all’interno di Formez PA, il messaggio si è rivelato estremamente efficace, determinando l’arrivo di oltre quattromila candidature per due bandi per un totale di 50 posti a tempo determinato.  Una comunicazione semplice e chiara, introdotta per la prima volta in un mondo istituzionale forse non ancora abituato a questo tipo di linguaggio.

L’altro aspetto chiave è la formazione. Secondo Bonisoli è possibile selezionare personale per lavorare in un’organizzazione, ma non si può pretendere di trovare sul mercato persone con micro-competenze già sviluppate. Ci sarà bisogno di un acclimatamento di cultura aziendale, e ogni pubblica amministrazione ha la sua cultura. Per questo motivo è necessaria quindi la formazione. Formazione che non deve essere considerata solo come un momento iniziale per acquisire familiarità con la nuova organizzazione, ma come un percorso di lungo termine. C’è bisogno di attenzione, di sensibilità e della giusta predisposizione.

Un approccio nuovo per un mondo nuovo, quindi. Per questo bisognerà dare tempo alle pubbliche amministrazioni di innovarsi, adeguandosi ai cambiamenti. Cura nell’innovazione e accompagnamento: è questa la formula per Bonisoli e per Formez PA.

Su questo argomento

Il nuovo Governo e la PA: rafforzare la capacità progettuale per la sfida del PNRR