Appalti innovativi, pubblico e privato sono partner: l’esperienza So.Re.Sa - FPA

Appalti innovativi, pubblico e privato sono partner: l’esperienza So.Re.Sa

Home Riforma PA Procurement Pubblico Appalti innovativi, pubblico e privato sono partner: l’esperienza So.Re.Sa

La Società della Regione Campania per la Sanità è affidataria delle azioni di animazione e gestione operativa della Piattaforma Open Innovation, finalizzata a stimolare la crescita di innovazione e a favorire l’incontro tra domanda e l’offerta

21 Ottobre 2020

C

Corrado Cuccurullo

presidente So.Re.Sa. Spa

Photo by Drew Beamer on Unsplash - https://unsplash.com/photos/xU5Mqq0Chck

Ascolta l'articolo

So.Re.Sa. S.p.A. (Società Regionale per la Sanità) è una società strumentale costituita dalla Regione Campania per la realizzazione di azioni strategiche finalizzate alla razionalizzazione della spesa sanitaria regionale, anche in ambito ICT, svolgendo un ruolo di centrale acquisti dei prodotti destinati alle aziende del sistema sanitario regionale e la realizzazione del ripiano del debito maturato negli anni passati, attraverso operazioni ad hoc decise con provvedimenti regionali. 

La nostra azienda persegue e promuove il rafforzamento delle competenze sui temi del Procurement Pubblico d’Innovazione, con attività di networking, collaborazioni istituzionali e partecipazione a progetti in ambito italiano ed europeo.

So.Re.Sa. S.p.A. è socio di Assinter Italia,  l’Associazione delle Società Pubbliche per l’Innovazione Tecnologica che operano a livello Centrale, Regionale e Locale che si propone come polo tecnico-organizzativo per contribuire a realizzare l’Agenda Digitale e promuovere lo sviluppo del Sistema Paese.

Per So.Re.Sa. S.p.A., dunque, il raggiungimento degli obiettivi della mission aziendale da sempre si lega all’implementazione di processi di innovazione, e per questo motivo dedichiamo massima attenzione al Procurement Pubblico d’Innovazione.

La nostra azione si muove nel solco delle indicazioni fornite dall’Unione Europea, in particolare resta per noi un faro la Direttiva 2014/24/UE che oltre a definire il perimetro del concetto di “innovazione” sottolinea che “la ricerca e l’innovazione (…) sono uno dei principali motori della crescita futura e sono state poste al centro della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”. Inoltre la Direttiva citata invita le autorità pubbliche “ad utilizzare gli appalti pubblici strategicamente nel miglior modo possibile per stimolare l’innovazione” in quanto “l’acquisto di prodotti, lavori e servizi innovativi svolge un ruolo fondamentale per migliorare l’efficienza e la qualità dei servizi pubblici e nello stesso tempo affrontare le principali sfide a valenza sociale”.

Proprio sul tema del Procurement Pubblico d’Innovazione abbiamo partecipato ad importanti progetti europei: STOPandGO (PPI, 2014-2018)[1], Proempower (PCP, 2017-2020), Euriphi (CSA, 2019-2020)[2];

Non solo Europa. La nostra azienda ha stipulato un protocollo d’intesa con Regione Campania e l’Agenzia per l’Italia Digitale – AGID per la digitalizzazione, il rafforzamento e la qualificazione della domanda di innovazione della pubblica amministrazione.

In raccordo con l’Assessorato all’Innovazione della Regione Campania, So.Re.Sa. S.p.A. è affidataria delle azioni di animazione e gestione operativa della Piattaforma Open Innovation, finalizzata a stimolare la crescita di innovazione in Campania e a favorire l’incontro tra la domanda, sia pubblica che privata, e l’offerta di innovazione.

Inoltre, uno sguardo attento la nostra società sta rivolgendo ai sistemi innovativi di acquisto attraverso la cooperazione pubblico-privato. 

In tale ottica le Pubbliche Amministrazioni e operatori privati, giustamente orientati a efficienza e profitto, ora devono trovare spazi di lavoro congiunto, caratterizzati da chiarezza di rapporti, incentivi e condivisione del rischio.

Superare la dicotomia fra interesse pubblico e rendimento privato, due aspetti che possono e devono essere coniugati.  È consolidato il fatto che i contratti di partnership tra pubblico e privato contribuiscono alla realizzazione di molti investimenti senza impattare sul debito pubblico e mobilitando la ricchezza privata e  garantiscono all’investimento tempi e costi certi, assicurando qualità e innovazione nelle modalità di gestione del servizio.


[1] STOPand GO è un progetto di tipo PPI Pilot cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma di sostegno alle politiche ICT (ICT PSP), parte del Programma quadro per la competitività e l’innovazione dell’Unione europea (CIP). Il progetto ha avuto inizio nell’aprile 2014 ed ha avuto una durata di 48 mesi. La strategia complessiva del progetto è stata quella di sperimentare il procurement pubblico di innovazione per migliorare l’assistenza dei cittadini più anziani. Il progetto ha avuto come obiettivi più operativi quelli di realizzare uno “European Specification Template”, che nell’arco del progetto è stato adottato e convalidato in sei località di sperimentazione (Una in Olanda, una in UK, due in Spagna e due in Italia).

Il progetto STOPandGO è in linea con la priorità europea per sostenere l’implementazione di soluzioni innovative per l’assistenza sanitaria che ne garantiscano la sostenibilità ed un maggior benessere per l’invecchiamento della popolazione. Progetti come questo incoraggeranno le organizzazioni all’adozione intelligente e sostenuta di soluzioni innovative ed a costituire una massa critica in grado di sostenere e rilanciare il mercato.

[2] ProEmpower è un Pre Commercial Procurement – PCP – basato sul Programma Horizon 2020. L’obiettivo del Progetto è stato quello di determinare una soluzione di autogestione per il paziente affetto da Diabete Mellito di tipo 2. In particolare, si è sviluppata una Piattaforma, in una soluzione ICT integrata, con accesso interoperabile e sicuro, per il supporto e l’autogestione del paziente, oltre che per gli operatori sanitari.

Su questo argomento

Procurement pubblico, esperienze di innovazione: Inva e Aria