Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Spesa per il personale dei Comuni, un peso sui bilanci

Home Open Government Open Data Spesa per il personale dei Comuni, un peso sui bilanci
R

Redazione Openpolis

Bologna, Palermo e Trieste sono le città in cui il costo del personale pesa di più sul bilancio comunale. Esborsi fissi, che limitano fortemente la libertà di spesa dei Sindaci. Più alta è la percentuale, meno autonomia finanziaria per spendere in altri settori.

Ci sono alcune voci dei bilanci comunali che influenzano anche le altre. In maniera particolare parliamo di quelle spese che per natura non si possono evitare, e che quindi limitano di fatto la liquidità a disposizione da parte dei Sindaci . Fra queste, rientrano le uscite per pagare il personale del Comune, a cui openbilanci* ha dedicato uno dei suoi indicatori.

Lo scopo è quello di misurare il costo del personale dell’amministrazione comunale rispetto al totale delle spese di gestione (spese correnti). E’ calcolato in percentuale: maggiore è la percentuale, più il Comune sostiene spese per il pagamento dei propri dipendenti, dunque minore sarà la capacità di manovra e la flessibilità di gestione del Bilancio.

In media nel 2013 il 27% delle uscite delle 15 città più popolose d’Italia era destinato alla gestione e mantenimento del personale dipendente. Fra tutte, Bologna guidava la classifica (36,4%), seguita da Palermo (35,62%) e Trieste (34,21%). In fondo alla classifica, città che hanno avuto più flessibilità nella gestione del bilancio, Milano (23,24%), Napoli (21,39%) e Roma (21,3%).


* openbilanci.it

è la piattaforma web che rende finalmente pubblici i bilanci negli ultimi dieci anni di tutti i comuni italiani. Una grande quantità di dati grezzi e ufficiali è stata liberata ed è ora pronta per essere scaricata da cittadini, media e ricercatori. Inoltre confronti, classifiche e mappe sono di supporto per addentrarci in un ambito che non sia per i soli addetti ai lavori e che ci permetta di chiedere conto ai nostri politici.

Su questo argomento

Tutti i segreti per comunicare sui social: ecco la formazione per chi lavora con la PA