Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Al via la ricetta elettronica… o forse no?

Home Sanità Al via la ricetta elettronica… o forse no?

Secondo quanto stabilito dal Ministero dell’Economia con il decreto del 2 luglio 2012 a partire dal 30 giugno scorso dovrebbe essere stata avviata la sperimentazione della "ricetta elettronica" il sistema che, a regime, andrà a sostituire tutto il sistema della prescrizione e prenotazione dei servizi sanitari così come lo conosciamo.

31 Luglio 2012

D

Tommaso Del Lungo

Articolo FPA

Secondo quanto stabilito dal Ministero dell’Economia con il decreto del 2 luglio 2012 a partire dal 30 giugno scorso dovrebbe essere stata avviata la sperimentazione della "ricetta elettronica" il sistema che, a regime, andrà a sostituire tutto il sistema della prescrizione e prenotazione dei servizi sanitari così come lo conosciamo.

Le Regioni interessate in questa prima fase dovrebbero essere sei: Veneto, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio e Sicilia. Tuttavia a questo punto il condizionale è d’obbligo perchè non si è fatta attendere la risposta dei  sindacati dei medici di medicina generale. In particolare lo SNAMI (sindacato nazionale autonomo medici italiani) ha contestato il valore dell’inizitiva portando alla luce alcuni problemi: "L’abbiamo definita una bufala – ha dichiarato Angelo Testa, Presidente nazionale dello Snami – perché non è vero che il decreto garantisce la dematerializzazione della ricetta, infatti bisogna continuare a stampare un promemoria cartaceo in A4 e quindi la carta, più di prima, rimane. Abbiamo sottolineato le file d’attesa negli ambulatori per i sistemi che vanno in tilt e conseguente rallentamento dell’attività clinica".

In particolare il nocciolo della questione è in un provvedimento, inserito nel Decreto, che prevede sanzioni (decurtazione dell’1,15% del compenso mensile) per i medici che non riusciranno ad emettere in formato elettronico almeno l’80% delle ricette.

Inoltre, proprio in queste ore, si è manifestato l’ennesimo ostacolo: il provvedimento sulla prescrizione dei farmaci inserito nel Decreto sulla spending review, infatti, rischia di bloccare totalmente il sistema della ricetta on line che non è stato pensato per la prescrizione del principio attivo, ma solo del farmaco. "Dopo tanti ritardi e difficolta’ di applicazione in molte realta’, bisognera’ ripartire da zero. Dunque, oltre al danno la beffa” . E’ quanto dichiara il segretario nazionale della FIMMG, Giacomo Milillo.

Se il buongiorno si vede dal mattino, la ricetta elettronica non avrà vita semplice.

Su questo argomento

La cassetta degli attrezzi per il coinvolgimento dei cittadini: al via il Gruppo di lavoro ANCI su partecipazione civica e beni comuni