FORUM PA Lombardia - Benessere abitativo, chi "farà" la casa del futuro? Risponde RSE - FPA

FORUM PA Lombardia – Benessere abitativo, chi “farà” la casa del futuro? Risponde RSE

Home Temi Verticali Energia e Ambiente FORUM PA Lombardia – Benessere abitativo, chi “farà” la casa del futuro? Risponde RSE

Avete mai pensato che efficienza energetica possa significare “maggior confort” e che i veri responsabili possano essere gli abitanti di ciascuna casa? A margine dei lavori di FORUM PA Lombardia, abbiamo chiesto un sintetico punto a Massimo Gallanti, Direttore Dipartimento Sviluppo Sistema Elettrico RSE, intervenuto alla sessione “Sostenibilità ambientale e stili di vita”.

28 Gennaio 2016

R

Redazione FPA

Secondo Massimo Gallanti, Direttore Dipartimento Sviluppo Sistema Elettrico RSE, intervenuto oggi alla sessione “Sostenibilità ambientale e stili di vita”, dovrebbe esser reso ben chiaro che “l’efficienza energetica non è solo uno strumento per ridurre gli “sprechi”, e quindi limitare i consumi energetici ed il relativo impatto ambientale, ma è anche un’opportunità per aumentare il confort e, in generale, per fornire servizi più nuovi e performanti”.

“Questo paradigma – spieag – è particolarmente adatto per il settore residenziale, che, per la sua struttura e connotazione, costituisce una propria e vera miniera di risparmio energetico ed è particolarmente adatto a sperimentare soluzioni tecnologiche che siano in grado di favorire sempre migliori condizioni di benessere e di qualità della vita. Tutto ciò, si traduce in uno slogan: casa a consumo zero, elettrica e smart”.

I altre parole “la casa del futuro dovrà consumare sempre meno ma anche dovrà essere climatizzata e “regolabile”, per essere flessibile ed adattabile ai bisogni, alle esigenze e ai comportamenti degli utenti”.

Chi farà questa casa così smart e sostenibile?
“In questo quadro – conclude – le tecnologie smart che fanno uso di fonti rinnovabili saranno le protagoniste. Ma ancora una volta, la decisione finale dipenderà dai comportamenti degli utenti, pertanto è importante rendere gli utenti consapevoli ed “educati”, perché possano sfruttare le opportunità che la tecnologia sarà in grado di offrire loro”.