FORUM PA Lombardia – Sostenibilità e rifiuti da imballaggio. Cosa si può fare secondo CONAI

Home Temi Verticali Energia e Ambiente FORUM PA Lombardia – Sostenibilità e rifiuti da imballaggio. Cosa si può fare secondo CONAI

Intervenendo al FORUM PA Lombardia, Fiorella
Perrucci (Centro Studi Area Prevenzione CONAI) ha spiegato come la gestione
degli imballaggi costituisca un elemento fondamentale per la prevenzione e
sostenibilità nella produzione dei rifiuti.

28 Gennaio 2016

R

Redazione FPA

Prevenzione è la parola d’ordine secondo CONAI quando si parla di limitare l’impatto ambientale dei rifiuti di imballaggio. Lo sottolinea Fiorella Perrucci (Centro Studi Area Prevenzione CONAI) che è intervenuta oggi al FORUM PA Lombardia, all’interno della sessione dedicata a “Sostenibilità ambientale e stili di vita”. Ma cosa si intende per prevenzione? Innanzitutto la capacità di progettare il futuro: riducendo l’uso delle materie prime, ri-progettando il packaging, ripensando i processi di produzione e utilizzo.

“L’impegno per la prevenzione dell’impatto ambientale degli imballaggi da parte di Conai – sottolinea Perrucci – si concretizza, in primo luogo, con la leva contributiva (contributo ambientale applicato in funzione del peso e relative agevolazioni) e poi con le attività di valorizzazione e premiazione degli sforzi che le aziende fanno per progettare e utilizzare imballaggi più sostenibili”.

Tra le iniziative ricordate da Perrucci, il “Dossier Prevenzione”, una rassegna di casi eccellenti di produzione e utilizzo di imballaggi eco-compatibili, e il “Bando CONAI per la prevenzione”, al quale possono partecipare tutte le aziende consorziate che hanno rivisto il proprio packaging in ottica di innovazione e sostenibilità ambientale, agendo su almeno una delle seguenti leve: riutilizzo, risparmio di materia prima, ottimizzazione della logistica, facilitazione delle attività di riciclo, utilizzo di materie provenienti da riciclo, semplificazione del sistema imballo e ottimizzazione dei processi produttivi.

“Le proposte delle aziende – conclude Perrucci – sono analizzate attraverso lo strumento Eco Tool Conai, che permette di calcolare, attraverso un’analisi LCA semplificata, gli effetti delle azioni di prevenzione attuate dalle aziende sui propri imballaggi attraverso una comparazione prima-dopo in termini di risparmio energetico, idrico e di riduzione delle emissioni di CO₂. Per l’edizione 2016 del Bando CONAI per la prevenzione, il Consorzio Nazionale Imballaggi metterà a disposizione dei progetti meritevoli un monte premi complessivo di 300.000 euro”.