Fastweb a FORUM PA 2011 - FPA

Fastweb a FORUM PA 2011

Si chiama "Scuola digitale" il progetto realizzato per Roma Capitale che Fastweb ha presentato a FORUM PA 2011, ospite dello spazio espositivo dell’amministrazione capitolina. Saranno oltre 500 i plessi coinvolti, trasformati in punti unici di ingresso digitale ad applicativi per l’erogazione di servizi prima gestiti dai Municipi. L’obiettivo è quello di favorire la comunicazione tra personale scolastico e famiglie, nonché potenziare alcuni flussi di comunicazione interna alla stessa organizzazione scolastica comunale.
Padiglione 9 stand 11A

17 Giugno 2011

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Si chiama "Scuola digitale" il progetto realizzato per Roma Capitale che Fastweb ha presentato a FORUM PA 2011, ospite dello spazio espositivo dell’amministrazione capitolina. Saranno oltre 500 i plessi coinvolti, trasformati in punti unici di ingresso digitale ad applicativi per l’erogazione di servizi prima gestiti dai Municipi. L’obiettivo è quello di favorire la comunicazione tra personale scolastico e famiglie, nonché potenziare alcuni flussi di comunicazione interna alla stessa organizzazione scolastica comunale.
Padiglione 9 stand 11A

Settemila educatori e 509 plessi scolastici coinvolti, tra nidi e materne, dove saranno attivate almeno due postazioni di lavoro con almeno 2 Pc, stampanti, scanner e fax; 2 telefoni VoIP (VoiceOver internet protocol), casella email per ogni dipendente. Questi i numeri del progetto "Scuola digitale", realizzato da Fastweb per Roma Capitale e presentato a FORUM PA 2011. Per le attività del progetto, da realizzarsi in 12 mesi, il territorio comunale è stato suddiviso in 5 lotti da circa 100 scuole ognuno. I lavori sono già in corso nelle prime 100 strutture dei municipi IV, VII e XII.

L’obiettivo è quello di rendere più agile ed efficiente la comunicazione tra il personale scolastico e le famiglie, nonché supportare e potenziare alcuni flussi di comunicazione interna all’organizzazione scolastica comunale. Le scuole coinvolte diverranno così dei punti unici di ingresso digitale a servizi che prima venivano erogati attraverso i Municipi.

Per quanto riguarda gli applicativi rivolti al personale scolastico, essi riguardano in particolare: gestione avanzata delle supplenze degli educatori; sistema integrato di comunicazione tra il dipartimento servizi educativi e scolastici e le scuole; help desk dedicato ed unificato per la gestione dei guasti; condivisione dell’azione didattica tra i docenti.

Tra i servizi per le famiglie sono invece previsti: accesso allo spazio web informativo dedicato alla singola scuola; fruizione in modalità multimediale di informazioni utili come i programmi educativi; convocazione di assemblee o eventi e il colloquio in multicanalità tra genitori ed insegnanti; forum dedicato per scambiare informazioni e notizie con altri genitori anche di istituti diversi; accesso centralizzato a servizi e applicazioni esistenti, come orario di frequenza o stato di iscrizione.