FORUM PA Lombardia. Maroni: la nostra Regione modello per nuovo welfare

Home Città e Territori FORUM PA Lombardia. Maroni: la nostra Regione modello per nuovo welfare

“Ripensare in maniera globale il Welfare. Non più Salute, Sociale e Lavoro come compartimenti stagni, ma un percorso unitario, composito e articolato, sfaccettato in base a tutte le esigenze imposte dalla realtà e dal futuro di una società che cambia, con il cittadino e il territorio come motori principali”. E’ il ‘modello lombardo’ illustrato dal Presidente della Regione Roberto Maroni questa mattina al FORUM PA Lombardia, dove ha tenuto l’intervento conclusivo della due giorni dedicata al nuovo modello di welfare regionale.

29 Gennaio 2016

R

Redazione FPA

“Ripensare in maniera globale il Welfare. Non più Salute, Sociale e Lavoro come compartimenti stagni, ma un percorso unitario, composito e articolato, sfaccettato in base a tutte le esigenze imposte dalla realtà e dal futuro di una società che cambia, con il cittadino e il territorio come motori principali”. E’ il ‘modello lombardo’ illustrato dal Presidente Roberto Maroni, questa mattina al FORUM PA Lombardia, dove ha tenuto l’intervento conclusivo della due giorni dedicata al nuovo modello di welfare regionale.

OBIETTIVO BENESSERE – Il nostro lavoro, ha detto Maroni, è rivolto a fare in modo “che i cittadini possano fare quello che fanno in una condizione di benessere, risolvendo situazioni di disagio o esclusione. Per questo agiamo creando sinergie fra tutte le componenti interessate: salute, sociale, lavoro, ambiente e territorio”.

EVOLUZIONE SISTEMA – Passaggio importante quello che Maroni ha dedicato all’evoluzione del sistema socio-sanitario lombardo, la grande riforma recentemente varata dal Consiglio regionale. “Il nostro sistema – ha sottolineato – era già valido, questa evoluzione lo ha semplicemente migliorato, aggiornandolo, per permetterci di affrontare il futuro senza essere colti impreparati. Per questo anche il Ministro Lorenzin ha espresso interesse per le nostre innovazioni e si è riservata di valutarne gli esiti come sperimentazione di una buona pratica da estendere anche alle altre Regioni. Una posizione niente affatto scontata, che ci riempie di orgoglio ma anche di responsabilità, perché non possiamo fallire. Abbiamo – ha ricordato – tre anni di tempo per attuare concretamente questo nuovo modello e per dimostrare che funziona”.

SCELTE PER MERITO – Altra innovazione ricordata dal Governatore, quella adottata per individuare i direttori della sanità lombarda. “Abbiamo introdotto – ha ricordato – una novità assoluta con la formazione di una short list per selezionare oltre 700 candidati. La selezione è stata fatta da una commissione esterna, guidata dal magnifico rettore dell’università di Milano Gianluca Vago, proprio con l’obiettivo di scegliere i migliori premiando unicamente il merito e la capacità”.

PROBLEMA RISORSE – Dopo aver ricordato altri campi nei quali il governo regionale si impegnato con ottimi risultati, al “potenziamento del sistema delle doti lavoro” alla “semplificazione burocratica, che rende meno onerose certe pratiche per cittadini e imprese”, Maroni non ha taciuto il problema legato al taglio delle risorse da parte di Palazzo Chigi. “Sono stati utilizzati – ha osservato – dei criteri che giudico non corretti. Avevamo chiesto al Presidente del Consiglio di fare un atto di coraggio, che lui aveva condiviso, nel mettere nella legge di stabilità l’applicazione dei costi standard. Peccato che questo non sia avvenuto. Mi auguro un ravvedimento operoso nella prossima legge di stabilità, ma intanto dobbiamo fare i conti con una riduzione del Bilancio”.

NOVITA’ EUSALP – In conclusione il presidente ha ricordato che solo pochi giorni fa c’è stata la partenza ufficiale di Eusalp, “una realtà formata da 48 regioni di 7 Paesi europei che potrà trattare direttamente con l’Unione europea su tanti argomenti che interessano la vita dei cittadini e anche sulla ripartizione dei fondi europei, alcuni dei quali riguardano direttamente proprio i modelli di welfare.

FONTE: Lombardia Notizie

Torna al Dossier FORUM PA Lombardia

Su questo argomento

Servizi digitali ai cittadini: “Il digitale non potrà mai sostituire del tutto le persone”