MEsM@RT: il progetto che trasforma Messina in una “città vivente”

Home Città e Territori MEsM@RT: il progetto che trasforma Messina in una “città vivente”

MEsM@RT è l’innovativa piattaforma della città di Messina per il monitoraggio e il controllo del territorio, realizzata nell’ambito dei progetti PonMetro

18 Marzo 2022

C

Francesca Carboni

FPA, redattrice progetto ICity Club

Photo by Myriam Jessier on Unsplash

Centinaia di sensori, telecamere e immagini satellitari che monitorano inquinamento, ciclo di distribuzione idrico, frane, abusi edilizi, sicurezza urbana e molto altro ancora; piattaforme e dashboard per analizzare i dati e una control room per raccoglierli e metterli in relazione tra loro; una piattaforma di notifica messaggi verso i cittadini via e-mail, sms e social.

Tutto questo è MEsM@RT, l’innovativa piattaforma di controllo e monitoraggio del territorio, realizzata nell’ambito dei progetti PonMetro per la Città metropolitana di Messina, con l’obiettivo di abilitare lo sviluppo nelle maggiori aree urbane, applicando il paradigma “Smart city” al fine di ridisegnare e modernizzare i servizi e le infrastrutture urbane per i soggetti che concorrono a gestire la città. Il progetto, la cui finalizzazione è prevista nel giugno del 2022, ha costruito un sistema basato su un’architettura aperta e indipendente.  

Come riporta il documento di presentazione del progetto “MEsM@RT è un ecosistema di infrastrutture, soluzioni IT e applicazioni Open Source abilitanti alla Resilienza urbana” e trasforma Messina in una città vivente, grazie al sistema di monitoraggio utile all’Amministrazione per conoscere quello che accade sul territorio e ai cittadini per comprendere lo stato di salute della città. Prende vita così un sistema unico, cooperativo e interoperabile, per la raccolta e l’elaborazione delle informazioni di base sul territorio urbano, per fornire informazioni sulla città orientate all’utente e strumenti a supporto della pianificazione urbana, per attivare un processo di monitoraggio continuo e aumentare l’efficienza e l’efficacia nell’adozione di nuove tecnologie. 

Come funziona MEsM@RT 

Si tratta di un sistema a gestione “multi-tenant”, uno strumento quindi condiviso in seno ai diversi Servizi e Dipartimenti dell’Amministrazione e coinvolge finanche le multiservizi (es. AMAM, Azienda Meridionale Acque Messina), ciascuno con il proprio ruolo: sia esso di pianificatore, attuatore, operatore d’esercizio ecc, secondo modelli accordati e, presto, regolamentati. Elemento centrale della piattaforma è la control room, componente in cui confluiscono tutti i dati raccolti dal monitoraggio del territorio, grazie al remote-sensing, alla videoanalysis, al monitoraggio ambientale, alla IoT platform – Dashboard per il monitoraggio acustico ed elettromagnetico e per ultimo, ma non per importanza, grazie alla gestione del ciclo di distribuzione idrico tramite la IoT Platform – Dashboard ciclo idrico e smart water meters.  

La piattaforma realizzata per la città di Messina si compone infatti di una serie di elementi che permettono il costante monitoraggio dei dati di interesse: 

  • IoT Platform: un punto di raccolta e di gestione dei dati provenienti dai tutti i sensori e le Interfacce dashboard per la presentazione dei dati in questione; 
  • La Big Data Platform (DUDE), nonché la piattaforma impiegata per la realizzazione dei casi d’uso che rientrano nel dominio dei Big Data e integrazione banche dati  
  • Il Device Manager che si occupa di gestire i dispositivi IoT sia dal punto di vista della raccolta dei dati provenienti dal campo che della loro gestione.  
  • Il Remote Sensing, che con la sua componente WebGIS 3D analizza i dati processati provenienti da immagini SAR (ad elevata risoluzione), grazie al quale è possibile individuare anche gli abusi edilizi da immagini satellitari mediante l’integrazione di algoritmi di machine learning, GIS, e dati catastali.  
  • Video Analysis, ovvero un sistema di monitoraggio e registrazione eventi della VDS e fototrappole attive sul territorio mediante algoritmi avanzati di Al e Machine Learning. I principali use case implementati grazie a questa tecnologia riguardano il riconoscimento di oggetti abbandonati nella città, di targhe automobilistiche e l’integrazione con le banche dati ACI-PRA e Telemaco – InfoCamere e il monitoraggio del conferimento dei rifiuti. 
  • Notificatore PA è invece lo strumento che permette di avvisare i cittadini da parte della Pubblica Amministrazione, favorendo l’interazione su canalità tradizionali quali e-mail, sms, push e fornisce l’integrazione con numerosi canali social. È molto interessante come tramite Notificatore PA l’Amministrazione possa inviare messaggi su diverse tipologie di canali e, per ciascun canale, può attivare dei canali tematici specifici, raggiungendo un grande numero di City User , informazioni a carattere generale e specifiche per il singolo utente, ma anche creare una comunicazione diretta con il Cittadino e dare vita ad un unico “touchpoint” multicanale, centralizzando la gestione e semplificando lo scambio di informazioni tra Comune e City User. 

Parlando di numeri

Stanziati più di 5 milioni di euro per il progetto e 1,6 milioni per i sensori, MEsM@RT sta implementando in città più di 400 telecamere di ultima generazione, oltre 1300 smart water meters, al fine di rendere “smart” parte dell’attuale parco di contatori dell’Azienda Meridionale Acque di Messina, da attivare sul territorio e consentirne la gestione da remoto, mediante comunicazione su rete NB-IoT. Non solo smart water meters, ma anche oltre 50 sensori di monitoraggio idrico e più di 10 stazioni multifunzione per il monitoraggio acustico ed elettromagnetico.

MEsM@RT ha permesso all’Amministrazione comunale di Messina di ricevere il primo posto alla XXII edizione dello storico Ecohitech Award, come soluzione più innovativa e sostenibile nella categoria Digitalizzazione, dando prova di come la città di Messina si sia impegnata molto rispetto ai temi legati ad innovazione tecnologica e smart city. 

Questo contribuito è realizzato nell’ambito del progetto ICity Club – L’osservatorio della trasformazione digitale urbana di FPA, di cui la città di Messina è parte.

Su questo argomento

Data driven decision: piattaforme digitali aperte per nuove forme di politiche pubbliche