Prevenire i crimini con un algoritmo intelligente: ecco il software che crea valore pubblico

Home Città e Territori Prevenire i crimini con un algoritmo intelligente: ecco il software che crea valore pubblico

KeyCrime aiuta la Polizia a prevenire i crimini, riuscendo a calcolare le probabilità che un reato, in particolare una rapina, possa avvenire in un luogo piuttosto che in un altro.

10 Maggio 2019

Photo by Thomas Lefebvre on Unsplash

Tutti abbiamo negli occhi il film ‘Minority Report’: grazie ad alcune predizioni, la polizia riesce ad arrestare le persone prima che compiano concretamente un atto criminoso.

La domanda quindi è: ma esiste veramente un software in grado di prevenire i reati?

La risposta realistica è si, e la soluzione che potrebbe avvicinarsi maggiormente al difficile compito di aiutare le Forze di Polizia nella prevenzione e nella repressione dei crimini è KeyCrime. Sviluppato da un ex poliziotto della Questura di Milano, KeyCrime, attraverso un algoritmo, riesce a “isolare serie criminali, riconducendo ad “un’unica mano” fatti avvenuti in tempi e luoghi diversi”.

Come funziona?

Grazie a un database composto da migliaia di dati inseriti, KeyCrime aiuta la Polizia a prevenire i crimini, riuscendo a calcolare le probabilità che un reato, in particolare una rapina, possa avvenire in un luogo piuttosto che in un altro. KeyCrime, nello specifico, riesce a ricondurre crimini diversi alla stessa persona, attraverso lo studio del modus operandi del criminale.

Catalogando, quindi, il comportamento dell’autore della rapina, KeyCrime permette di identificare delle serie criminali, riuscendo a ricondurle alla stessa persona.

Il software aiuta a prevedere dove, come e quando un crimine potrà avvenire, grazie a un’approfondita analisi dei crimini già avvenuti.

Prevenzione e sorveglianza

Il passaggio è semplice: raccogliendo i dati sui reati commessi, KeyCrime fornisce dei risultati, effettuando il ‘Crime Linking’, cioè collegando gli avvenimenti in base alle loro caratteristiche; in questo modo, ad esempio, la Polizia può capire quali sono le zone più a rischio, ma anche in quali orari intensificare la sorveglianza, grazie all’analisi congiunta di questi dati.

In questo modo, aumenta l’efficacia delle azioni della Polizia e allo stesso tempo si verifica un incremento della sicurezza degli operatori e una riduzione dei danni e dei costi, diretti e indiretti

I crimini diminuiscono?

Ma, di fatto, le rapine diminuiscono? Basta fornire un numero: in Provincia di Milano, tra il 2009 e il 2017, grazie anche a KeyCrime, le rapine agli esercizi commerciali sono diminuite del 58% (numeri della Questura di Milano). Il software è specializzato in questo tipo di atti criminosi, senza escludere la possibilità di poterlo utilizzare in futuro anche in altri settori.

Insomma, teniamoci lontani dalle suggestioni fantascientifiche del film di Tom Cruise, ma, in ottica di creazione di valore pubblico, tema principale di FORUM PA 2019, KeyCrime aiuta di fatto a migliorare la sicurezza delle nostre città e dell’intera collettività. Potrete venire a conoscere questa esperienza a FORUM PA 2019, durante il convegno “La PA alla sfida dell’Intelligenza artificiale”.

Su questo argomento

Servizi digitali ai cittadini: “Il digitale non potrà mai sostituire del tutto le persone”