Torna alla manifestazione Logo manifestazione
Talk e rubriche In presenza

L’impatto dell’intelligenza artificiale generativa nelle organizzazioni pubbliche [RPA.07]

21 Maggio dalle 12:30 alle 13:30

Sala 2

Indirizzo copiato negli appunti

Una rivoluzione industriale dirompente è pronta a dare un grande contributo a Comuni, Province, Regioni e Agenzie e ogni sorta di Pubblica Amministrazione. Le organizzazioni con competenze nello sfruttare l’intelligenza artificiale generativa a proprio vantaggio potranno contare su  capacità aumentata per migliorare i servizi offerti ai propri cittadini e ai propri territori. Come approcciare questa trasformazione digitale? Profili professionali e nuovi mestieri, formazione, ruolo e incentivi per il middle management, attrattività di giovani preparati e coinvolgimento delle persone. Sono solo alcuni degli elementi su cui puntare, insieme a un grande piano per le PA che non temono la nuova rivoluzione industriale.

Programma dei lavori

  • Modera

    •  Luigia Luciani
      Luigia Luciani

      Giornalista

    • Intervengono
    •  Massimo Bollati
      Massimo Bollati

      Direttore della Direzione per la Trasformazione Digitale – Agenzia del Demanio

      Massimo Bollati è nato nell’ottobre del 1970, ha frequentato il Politecnico di Milano e successivamente il MIP, conseguendo una laurea in Ingegneria e un Executive MBA.

      Dopo aver iniziato come ricercatore, ha successivamente lavorato in tre aziende internazionali quali Unisys, EY e nella società spinoff di EY come IT Manager e Business Unit Manager, seguendo percorsi lavorativi sia tecnologici che di business.

      Nel 2007 è entrato in TNT Post come Direttore IT, diventando nel 2010 Direttore IT, Facility (Real Estates) e Security.

      Nel dicembre 2012 è diventato CIO del Gruppo TNT Post Italy, concentrando le sue attività su prodotti e nuovi servizi IT e digitali, sviluppo di strategie di M&A ed evoluzione delle infrastrutture (servizi cloud, ERP, CRM, ecc.).

      Nel 2017 è entrato nel Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane come Head of Group Governance IT, focalizzando le sue attività su IT, Strategy e Sourcing Governance.

      Nel 2019 ha iniziato la sua esperienza in FSTechnology Spa, la società di innovazione e ICT di Ferrovie dello Stato Italiane, come Head of Strategy & Governance e membro dell’Executive Commitee.

      Nel 2022 è stato nominato Direttore per la Trasformazione Digitale presso l’Agenzia del Demanio – Ministero Economia e Finanza, occupandosi dell’innovazione dell’AgD, della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione italiana e del Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza.

      Oltre al suo ruolo professionale, è/è stato membro di diverse associazioni istituzionali:

      Vicepresidente del Forum CIO AICA

      Membro del Consiglio di Amministrazione della CIO Academy del MIP Politecnico di Milano

      Mentore presso Polihub Milano

      Vicepresidente di ClubTI Milano

    •  Vincenzo Di Nicola
      Vincenzo Di Nicola

      Responsabile per l'Innovazione Tecnologica e la Trasformazione Digitale – INPS

      Orgogliosamente italiano, cresciuto professionalmente in Silicon Valley. Dal 2021 è Responsabile per l’Innovazione Tecnologica e la Trasformazione Digitale all’INPS.

      Nel 2015 ha co-fondato Conio, startup per la gestione e custodia sicura di cryptovalute e asset digitali, partecipata da Poste Italiane e Banca Generali.
      In passato Vincenzo è stato CTO e co-fondatore di GoPago, startup di pagamenti mobili a San Francisco (tecnologia acquisita da Amazon), ha guidato il team di Real Time Behavioral Targeting a Microsoft (Redmond e Pechino), e come stagista ha contribuito significativamente allo sviluppo di Yahoo! (Sunnyvale).

      Ha una laurea con lode in Ingegneria Informatica dall’Università di Bologna, e un Master in Computer Science da Stanford.

    •  Francesco Raphael Frieri
      Francesco Raphael Frieri

      Direttore Generale Risorse, Europa, Innovazione e Istituzioni – Regione Emilia-Romagna

      Francesco Raphael Frieri è il Direttore Generale alle Risorse, Europa, Innovazione e Istituzioni della Regione Emilia-Romagna dal marzo 2016. È responsabile dell’organizzazione e della gestione delle risorse umane, della programmazione finanziaria, del patrimonio, dell’attività legislativa e del riordino istituzionale, del controllo delle società partecipate, coordina le politiche europee e gestisce la cooperazione territoriale europea e internazionale. Ha guidato progetti di innovazione come la riorganizzazione dell’Ente e lo sviluppo dell’ICT regionale, soprattutto nell’utilizzo avanzato di Dati e delle applicazioni di AI, è l’RTD dell’Ente. Autore di numerose pubblicazioni, è membro di think-tank e nuclei di valutazione. Laureato in Scienze Politiche, ha conseguito un EMBA presso la Bologna Business School, oltre ad altri numerosi master di rilievo internazionale.

      Frieri.info

    •  Giovanni Masino
      Giovanni Masino

      Professore Ordinario – Università di Ferrara

      Giovanni Masino è professore ordinario di Comportamento organizzativo e Teoria delle organizzazioni presso il Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Ferrara. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Teoria delle organizzazioni presso l’Università di Bologna. I suoi principali interessi di ricerca includono l’organizzazione del lavoro, il job crafting, la leadership, lo sviluppo delle persone, le nuove tecnologie e il cambiamento organizzativo, il processo decisionale, la motivazione, la gestione delle risorse umane, su cui ha pubblicato diversi libri e oltre 70 articoli scientifici su riviste internazionali e nazionali peer-reviewed.

    •  Serena Sorrentino
      Serena Sorrentino

      Segretaria Generale FP CGIL

      Serena è nata nel luglio del 1978. Napoletana, studi umanistici, vive e cresce nella provincia nord di Napoli dove si forma, umanamente e politicamente, occupandosi delle condizioni di disagio dei giovani delle periferie, contro le quali intraprende lotte e vertenze, a cominciare dalle rivendicazioni legate al diritto allo studio e agli spazi sociali. A 13 anni si presenta nella sede della Cgil di Napoli, in via Torino, con un problema di non poco conto: la sua scuola letteralmente non c’era. Inizia così giovanissima la sua esperienza politica, per poi continuare con l’elezione, sin dal primo anno, a rappresentante degli studenti. Nel 1994 è tra i fondatori del sindacato degli studenti medi e nel 2002 passa dal sindacato universitario alla Cgil, entrando nella segreteria della Camera del lavoro di Napoli a soli 23 anni, risultando così la più giovane segretaria confederale della storia della Cgil di Napoli. L’essere giovane – e perlopiù con un piercing di cui è gelosissima – è una caratteristica che l’accompagna. Arriva in Cgil nazionale nel gennaio del 2010 per occuparsi delle politiche di pari opportunità in qualità di responsabile nazionale e a giugno dello stesso anno viene eletta in segreteria nazionale. Ruolo che le viene confermato nel giugno del 2014. Il lavoro, insieme al suo complesso portato di diritti, è stato il centro del suo impegno. Per stare solo alle cose più recenti, il contrasto al Jobs Act e la ‘sfida per i diritti’ della Cgil, la Carta dei diritti universali del lavoro, sono i punti sui quali ha lavorato con dedizione e costanza. E chi la conosce sa bene cosa vuol dire. Nel giugno di quest’anno subentra a Rossana Dettori, in qualità di numero uno della Funzione Pubblica Cgil. È la più giovane segretaria generale della Fp Cgil nella storia e, al momento, nel panorama della Cgil, la più giovane tra tutte le categorie

In collaborazione con