Dalle donazioni ai terremotati fino ai ticket: l'esperienza di PagoUmbria - FPA

Dalle donazioni ai terremotati fino ai ticket: l’esperienza di PagoUmbria

Home PA Digitale Servizi Digitali Dalle donazioni ai terremotati fino ai ticket: l’esperienza di PagoUmbria

L’adesione degli Enti all’intermediazione tecnologica della Regione Umbria è stata vasta: 84 enti tra cui tutte le aziende sanitarie ed ospedaliere, agenzie regionali, amministrazioni comunali e altri enti pubblici. La piattaforma è stata installata presso il datacenter regionale unitario gestito da UmbriaDigitale. La fase successiva più importante è il dispiegamento dei servizi che vedrà coinvolti tutti gli enti aderenti

15 Settembre 2016

S

Stefano Bigaroni, amministratore unico, Umbria Digitale

UmbriaDigitale, grazie all’iniziativa della Regione, ha attivato a luglio 2016 sul nodo nazionale dei pagamenti PagoPA la piattaforma regionale per i pagamenti elettronici PagoUmbria.

La Regione Umbria, tramite questa piattaforma regionale, ha potuto attivare tempestivamente un servizio online per le donazioni a favore delle popolazioni colpite dal sisma che ha interessato il centro Italia nel mese di agosto 2016. Un esempio di come la tecnologia e l’innovazione possano dare un contributo anche in situazioni di emergenza, nelle quali il fattore tempo e l’efficienza nell’attivazione di un servizio siano determinanti per il raggiungimento dell’obiettivo

L’attivazione della piattaforma è solo un primo punto di arrivo di un progetto più ampio, che prevede la diffusione dei pagamenti elettronici verso l’intera Pubblica Amministrazione dell’Umbria. La Regione si è infatti adoperata per mettere a disposizione degli enti del proprio territorio, il supporto organizzativo e tecnologico per l’adesione a PagoPa e dotare il cittadino umbro di uno strumento unico, mediante il quale potrà gestire in modo semplice e sicuro la propria posizione debitoria verso la pubblica amministrazione, i propri pagamenti (dai tributi regionali e comunali, ai ticket sanitari e a qualsiasi altro tipo di pagamento) e fruire dei servizi utilizzando tutti i canali messi a disposizione anche e soprattutto attraverso i dispositivi mobili (tablet, smartphone, etc..)

Lo scopo dell’iniziativa PagoPA e del progetto PagoUmbria è proprio quello di mettere al centro di tutto il processo il cittadino, che potrà eseguire pagamenti verso la PA in totale sicurezza utilizzando un sistema tecnologico e di regole gestito dall’Agenzia per l’Italia Digitale e condiviso da tutti i soggetti coinvolti, pubblica amministrazione e prestatori di servizi di pagamento.

L’adesione degli Enti all’intermediazione tecnologica della Regione Umbria è stata vasta: 84 enti tra cui tutte le aziende sanitarie ed ospedaliere, agenzie regionali, amministrazioni comunali e altri enti pubblici.

La piattaforma è stata installata presso il datacenter regionale unitario gestito da UmbriaDigitale ed è stata integrata con le piattaforme regionali di cooperazione applicativa, per la connessione al nodo nazionale Sistema Pubblico di Connettività (SPC), e di identità digitale per l’accesso autenticato al sistema. Il successo delle fasi di test previste dalle specifiche di PagoPA, condotte con il pieno e costante supporto di AGID, ha consentito l’attivazione in esercizio.

La fase successiva più importante è il dispiegamento dei servizi che vedrà coinvolti tutti gli enti aderenti. Si partirà con un servizio di sicura importanza per i cittadini: il pagamento online dei ticket sanitari che consentirà di completare tutto il ciclo essendo già state attivate la prescrizione, la prestazione e la prenotazione online.

Numerosi anche i servizi da attivare per i comuni con i quali è già stato avviato un percorso di rilevazione, per rispondere alle richieste dei cittadini che utilizzano sempre di più le tecnologie digitali.

La diffusione dei pagamenti elettronici è uno degli elementi fondamentali per la crescita digitale del paese, non solo per i cittadini, ma anche per la PA che potrà contare su uno strumento efficiente per amministrare e razionalizzare le attività di incasso, gestire le attività di rendicontazione e riconciliazione, standardizzare i processi e ridurre sprechi ed inefficienze.

La sfida da vincere è ovviamente anche culturale, in quanto la sensibilizzazione sul tema sarà decisiva affinché si superino resistenze e diffidenze sia tra i cittadini che tra gli operatori della pubblica amministrazione, e affinché il pagamento elettronico si diffonda e diventi strumento di comune utilizzo.

La pianificazione dei processi di semplificazione e innovazione messa in atto dalla Regione Umbria, la collaborazione tra le amministrazioni del territorio, la progettualità e le competenze tecnologiche di Umbria Digitale, sono gli elementi di un quadro complessivo segno di cambiamento e innovazione che coinvolge l’intero sistema regione, nell’interesse pubblico e di tutti i cittadini del territorio.