Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

DevOps: la nuova soluzione IT per la pubblica amministrazione

Home PA Digitale DevOps: la nuova soluzione IT per la pubblica amministrazione

La metodologia DevOps , ovvero Dev (development) da un lato e Ops (operation) dall’altro, apre nuove prospettive verso l’It service management orientato verso una cultura collaborativa, aperta e trasparente. Il nuovo modello innovativo IT permette alla pubblica amministrazione di accedere a una piattaforma disponibile in cloud in grado di rilasciare in tempi brevi software e app di alta qualità

13 Ottobre 2016

R

Redazione FPA

Crescono applicazioni e sistemi a supporto delle pubbliche amministrazioni. Viene lanciato sul mercato un nuovo modello innovativo IT, DevOps, che permette alla pubblica amministrazione di accedere a una piattaforma disponibile in cloud in grado di rilasciare in tempi brevi software e app di alta qualità. La chiave dell’agilità operativa si trova all’interno della capacità della piattaforma di attivare collaborazioni tra team interfunzionali, composti da Amministrazioni e aziende private. Gli enti locali traggono beneficio da questo nuovo paradigma di scrittura collaborativa dei codici software e di controllo versione. Gli stessi responsabili dei sistemi informativi della PA possono abilitare il DevOps avvalendosi delle capacità multi-disciplinari di aziende diverse. La metodologia DevOps apre nuove prospettive verso l’It service management orientato su una cultura collaborativa, aperta e trasparente.

Il DevOps, ovvero Dev (development) da un lato e Ops (operation) dall’altro, è una metodologia di sviluppo del software che sfrutta le logiche della condivisione e della collaborazione collettiva per attività di progettazione, di testing e di rilascio delle soluzioni applicative pensate per le organizzazioni, sia in ambienti tradizionali che in ambienti cloud.

Il DevOps si basa su un modello di processo olistico supportato da strumenti automatici e da una cultura Lean che consente di automatizzare il rilascio del software e seguire il flusso di produzione IT. Non a caso, uno dei modelli di riferimento del DevOPS è il cosiddetto CALMSS, acronimo di Culture, Automation, Lean, Management and Measurement, Sharing and Sourcing.

Nell’ambiente DevOps la metodologia di lavoro prescelta fa riferimento alle pratiche Agile, sancite nel 2001 nel “Manifesto per lo Sviluppo Agile di Software”. I metodi Agile propongono un approccio focalizzato sul coinvolgimento del cliente nel processo di sviluppo di software e sulle interazioni di team di sviluppo. Si tratta di un modello iterativo e incrementale focalizzato sull’obiettivo di consegnare al cliente, in tempi brevi e frequentemente (early delivery/frequent delivery), software di qualità.

DevOps sceglie una metodologia Agile intuitiva, con un framework di processo come Scrum, che è soprattutto un’ambiente all’interno del quale vengono utilizzati meccanismi di “processo di controllo empirico”, per cui rapidamente il team di sviluppo definisce gli obiettivi e le priorità, assegna i compiti e identifica dove possono verificarsi problemi nello sviluppo di un processo, intervenendo sui singoli deliverables. Scrum velocizza il flusso di lavoro con una misurazione delle prestazioni sulla base della delivery finale al cliente e sulla possibilità di migliorare il prodotto attraverso ulteriori progetti, in linea con un processo di sviluppo modulare e flessibile. Una caratteristica fondamentale del sistema DevOps è l’integrazione continua e l’erogazione continua.

Il codice di software, con il Devops, è conservato in un repository di sorgenti che viene utilizzato come archivio e come fonte per controllare le diverse versioni. In particolare, si utilizza il Repository Git che permette di registrare i cambiamenti che si fanno su un file o su una serie di file nel tempo, così da poter richiamare una versione specifica di quei dati in qualsiasi momento.

Con il DevOps le due realtà, quella della Learn IT e quella della Operation IT, si arricchiscono vicendevolmente.

Lunedì 24 ottobre, dalle ore 16.00 alle ore 18.00, presso il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, si tiene il “DevOps day – Information technology e Business alla stessa velocità. LA TUA”

in collaborazione con


Per Approfondimenti:

Che cosa significa DevOps e perché oggi è un fondamentale della programmazione

I quattro concetti chiave del DevOps che danno sprint al business

I parametri di Gartner per una strategia DevOps efficace

Il marketing diventa più Agile: il DevOps a supporto delle campagne

Cultura DevOps e automazione: i vantaggi del software-defined networking

Operation e sviluppo: come stabilire un terreno comune con il DevOps

DevOps, anzi… HumanOps: migliorando le condizioni di lavoro, migliora il business

Software, data management e proprietà dei dati: le nuove linee guida

La tua azienda è pronta per il DevOps? Cinque domande per valutare la situazione

Come ottenere l’approvazione dei CIO quando si vuole avviare una strategia DevOps?

DevOps e proprietà dei dati: è ora di un nuovo manifesto?

Su questo argomento

Ridurre gli errori e agire per innovare nella pubblica amministrazione