Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

e-government 2012: metodo Brunetta

Home Open Government Partecipazione e Trasparenza e-government 2012: metodo Brunetta

Nel presentare il Piano e-government 2012, il Ministro Brunetta lancia un appello ai giornalisti, quasi una sfida: “Siate voi i controllori per conto dei cittadini”.  Adilà dei suoi contenuti, e-gov 2012 introduce un nuovo metodo: il controllo sociale diretto sull’avanzamento dei lavori del Governo, rispetto a obiettivi fissati, sotto-obiettivi declinati e tempi stabiliti in cronogrammi pubblici e aggiornati sul web.

28 Gennaio 2009

Articolo FPA

Nel presentare il Piano e-government 2012, il Ministro Brunetta lancia un appello ai giornalisti, quasi una sfida: “Siate voi i controllori per conto dei cittadini”.  Adilà dei suoi contenuti, e-gov 2012 introduce un nuovo metodo: il controllo sociale diretto sull’avanzamento dei lavori del Governo, rispetto a obiettivi fissati, sotto-obiettivi declinati e tempi stabiliti in cronogrammi pubblici e aggiornati sul web.
Il punto è: la PA è affare dei cittadini, perché a loro è finalizzata e perché a loro chiede risorse per il suo funzionamento. La PA costa 4500 euro annui a ogni cittadino italiano, Brunetta sostiene che "le risorse per farne una Ferrari ci sono tutte". Il Piano ne potenzierà il motore, il metodo le metterà il turbo?
Ascoltiamo Brunetta.  

Su questo argomento

Competenze digitali, Open Government, pianificazione strategica. Il percorso Academy a ICity Lab 2018