Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Ecco “Start”, unica piattaforma di acquisto PA in Toscana

Home PA Digitale Ecco “Start”, unica piattaforma di acquisto PA in Toscana

Al fine di facilitare l’operatività delle imprese e
garantire il più alto livello di partecipazione, Start utilizza un

indirizzario dei fornitori unico a livello
regionale.
Attualmente risultano iscritte all’indirizzario circa 27.000 imprese

28 Gennaio 2016

M

Marco Giovannetti, Regione Toscana

Regione Toscana è interessata al tema dell’eprocurement per gli enti pubblici sin dal 2007: risalgono a questo periodo i primi interventi normativi (legge regionale n. 38/2007 e regolamento di attuazione) e le prime procedure di gara svolte in modalità telematica attraverso il sistema denominato START (Sistema Telematico di Acquisti Regionale della Toscana).

Nelle attività di definizione delle specifiche di funzionamento del sistema START, sono stati coinvolti fin da subito soggetti di varie amministrazioni toscane, con specifica esperienza nella predisposizione di appalti pubblici (Comuni, Province, Comunità montane), con l’obiettivo di realizzare un sistema aderente alle esigenze delle diverse tipologie di ente.

A partire dal 2008 l’utilizzo del sistema START, inizialmente riservato all’amministrazione regionale, è stato progressivamente esteso alle altre amministrazioni toscane. Particolare importanza nella diffusione del sistema ha avuto l’attivazione delle istanze riservate ai tre ESTAV (Enti per i Servizi Tecnico-amministrativi di Area Vasta) e alle Aziende Sanitarie Locali; la spesa sanitaria rappresenta infatti una parte importante dell’intera spesa regionale per gli approvvigionamenti.

L’utilizzo del sistema da parte degli enti locali (Province, Comuni e forme associate) ha avuto un notevolissimo incremento a partire dal 2013 grazie soprattutto alle modifiche normative tese a promuovere l’utilizzo di sistemi di acquisto telematici (in particolare la modifica del dicembre 2012 al comma 450 dell’art.1 della legge finanziaria 2007 per gli acquisti di beni e servizi sotto soglia e l’introduzione del comma 3 bis dell’art 33 del Codice degli Appalti). Ad oggi il sistema START è utilizzato dalla maggior parte delle amministrazioni toscane.

Regione Toscana, proprietaria del sistema, per tutte le attività di gestione del sistema telematico si avvale di un Gestore il quale provvede all’assistenza dei concorrenti, alla manutenzione correttiva, allo sviluppo degli adeguamenti software legati a modifiche legislative ed allo sviluppo di nuove funzionalità. Il Gestore fornisce, inoltre, il supporto tecnico e organizzativo nella fase di avvio all’utilizzo del sistema; questa ultima attività si è rilevata particolarmente apprezzata dalle varie amministrazioni ed è un punto di forza nella diffusione del sistema sul territorio.

Le principali caratteristiche del sistema

Il sistema START è in grado di gestire qualsiasi procedura di acquisto (procedura aperta, ristretta e negoziata), dalla fase di pubblicazione dei documenti di gara, alla fase di aggiudicazione definitiva della stessa. Il sistema permette inoltre la gestione telematica degli affidamenti diretti e delle procedure concorrenziali di importo inferiore a 40.000 euro.

Il sistema consente di gestire procedure di acquisto con criteri di aggiudicazione basati sul prezzo più basso e sull’offerta economicamente più vantaggiosa; con START è possibile svolgere gare di appalto per qualsiasi tipologia (forniture, servizi, lavori pubblici e servizi attinenti all’architettura ed all’ingegneria).

Nel caso di aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, laddove nel bando siano previsti criteri di valutazione automatici per il calcolo del punteggio (criteri quantitativi), è possibile gestire in maniera automatica le offerte dei concorrenti. Sempre nel caso di aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa l’ente che pubblica una gara ha la più ampia libertà di scelta nella suddivisione del punteggio complessivo e può utilizzare una qualunque delle formule previste dal Regolamento di attuazione del codice degli appalti.

Il sistema è provvisto inoltre di meccanismi di controllo della soglia di anomalia attraverso l’applicazione delle formule matematiche previste dalla normativa vigente e di esclusione automatica. Con il sistema è inoltre possibile svolgere aste telematiche con il metodo dei rilanci.

Tutte le comunicazioni fra stazione appaltante e concorrenti possono essere gestite attraverso funzionalità del sistema START. Il sistema permette di pubblicare tutta la documentazione di gara e di gestire le richieste di chiarimenti dei concorrenti nel rispetto dei principi di trasparenza, imparzialità e parità di trattamento.

Il sistema è strutturato in modo da garantire sempre il rispetto della segretezza delle offerte presentate. Le buste vengono aperte in rigida sequenza (amministrativa, tecnica, economica) e, in caso di esclusione di un concorrente in qualunque fase, non è possibile accedere alla documentazione contenuta nelle buste ancora da aprire.

Tutte le attività svolte da tutti gli utenti del sistema vengono tracciate in opportuni file di log nei quali vengono inserite varie informazioni quali data ed ora, identificativo dell’utente, e tipo di attività svolta. Gli utenti sono classificati in base a ruoli predefiniti e, per ciascun ruolo, è possibile definire le funzionalità che sono rese loro disponibili.

Al fine di facilitare l’operatività delle imprese e garantire il più alto livello di partecipazione, START utilizza un indirizzario dei fornitori unico a livello regionale. Attualmente risultano iscritte all’indirizzario circa 27.000 imprese.

Su questo argomento

APP PA: l'elenco delle app ufficiali della Pubblica Amministrazione