Garantire agli immigrati accesso ai servizi socio-sanitari: parte il progetto Welfare - INMP - FPA

Garantire agli immigrati accesso ai servizi socio-sanitari: parte il progetto Welfare – INMP

Home PA Digitale Garantire agli immigrati accesso ai servizi socio-sanitari: parte il progetto Welfare – INMP

Il  Sottosegretario  Eugenia Roccella e il Direttore generale dell’INMP (Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e il contrasto delle malattie della Povertà) Aldo Morrone, hanno presentato nei giorni scorsi un progetto mirato a favorire l’accesso  dgli immigrati alle cure e all’informazione per la salute presso le ASL italiane. 

30 Dicembre 2008

Articolo FPA

Il  Sottosegretario  Eugenia Roccella e il Direttore generale dell’INMP (Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e il contrasto delle malattie della Povertà) Aldo Morrone, hanno presentato nei giorni scorsi un progetto mirato a favorire l’accesso  dgli immigrati alle cure e all’informazione per la salute presso le ASL italiane. 

L’obiettivo generale di progetto è sviluppare modelli di promozione dell’accesso ai servizi sociosanitari delle popolazioni immigrate e promuovere attività di informazione e orientamento fornendo un supporto per la creazione di servizi informativi socio-sanitari transculturali.
Lo strumento principale sarà la formazione adeguata di cittadini “stranieri in qualità di mediatori interculturali al fine di agevolare i rapporti tra le singole amministrazioni e gli stranieri appartenenti ai diversi gruppi etnici, nazionali, linguistici e religiosi”, per rendere possibile il loro inserimento in una quota significativa di ASL italiane con rilevante presenza di popolazione immigrata a sostegno del processo di integrazione socio-sanitaria della popolazione straniera.

Il primo passo sarà dunque la definizione di un percorso formativo specialistico per mediatori linguistico-culturali da impiegare nell’attività di informazione e orientamento socio-sanitario della popolazione immigrata.
 

Fonte: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali