La PA che fa rete per innovarsi: Robyn Scott al FORUM PA 2021 - FPA

La PA che fa rete per innovarsi: Robyn Scott al FORUM PA 2021

Home PA Digitale La PA che fa rete per innovarsi: Robyn Scott al FORUM PA 2021

Continuano gli appuntamenti settimanali con gli ospiti internazionali del prossimo FORUM PA 2021, questa volta alla scoperta di Robyn Scott, Co-Founder e CEO di Apolitical, “piattaforma di apprendimento globale” per far conoscere ai governi buone pratiche che possano essere da esempio per innovare le amministrazioni

18 Marzo 2021

F

Redazione FPA

Uno dei nostri obiettivi è raccontare le migliori esperienze attivate sui territori, coscienti che l’innovazione è un processo complesso e che la condivisione e il confronto siano elementi centrale per portarlo avanti. Per questo abbiamo continuato, soprattutto in questi mesi difficili, a raccontare le esperienze delle nostre amministrazioni e di come hanno risposto alle criticità derivanti dalla pandemia, la quale ha premuto con forza l’acceleratore sulla trasformazione digitale, dando vita a tante storie di innovazione organizzativa. Era dunque quasi d’obbligo per noi invitare al prossimo FORUM PA 2021 Robyn Scott, Co-founder e CEO di Apolitical, azienda che si pone come missione proprio quella di rendere i governi più smart grazie al racconto di ciò che già funziona sul territorio. Sarà nostra ospite il 21 giugno nello Scenario “Riorientare lo sviluppo: dalla pandemia alla ripresa, il ruolo del settore pubblico e della PA“.

Africana di nascita e poi affermatasi nel Regno Unito, Robyn Scott è un’imprenditrice e un’autrice di grande successo. Nel suo primo libro Twenty Chickens for a Saddle, racconta la sua infanzia in Botswana durante l’epidemia di AIDS, tema, quello sanitario, rimastole molto caro, come testimoniato dal suo impegno come ambasciatrice dell’Access to Medicines Index. Ha studiato bioinformatica all’università di Auckland per poi conseguire un dottorato in Bioscience Enterprise presso l’università di Cambridge, dove era una Gates Scholar.

Grazie all’incontro tra il suo desiderio di comprendere i problemi globali del pianeta e il forte interesse per la tecnologia è nata l’idea di dare vita ad Apolitical, una piattaforma pensata per aiutare chi governa a conoscere buone pratiche sul tema delle applicazioni tecnologiche al settore pubblico. “In molti paese il settore pubblico è il datore di lavoro più importante – racconta Scott – e di conseguenza le decisioni prese dai governi hanno un impatto molto importante sulla vita quotidiana”. I governi devono quindi prendere decisioni consapevoli e il più possibile volte all’efficienza.

L’Apolitical Academy, il braccio senza scopo di lucro di Apolitical, aiuta i giovani e le persone tradizionalmente escluse a candidarsi per cariche politiche.

Inserita dalla rivista Wired tra le 50 persone che cambieranno il mondo, Robyn Scott è anche una Young Leader del World Economic Forum e ha scritto per numerose testate come il Financial Times, la BBC, Forbes, WIRED, e Fast Company. È stata ospite in qualità di speaker sia per la BBC che al Summit di Davos, oltre che per alcuni TEDx, come in questo a Oxbridge in cui parla di leadership. Come racconta in questo intervento del 2019, crede fermamente nel GovTech, ovvero nel potenziale derivante dall’incontro tra il settore pubblico e la tecnologia.

Su questo argomento

Oltre il Covid -19: la transizione organizzativa continua di Roma Capitale tra nuove consapevolezze e lavoro di squadra