Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Le parole della Ministra del Lavoro a FORUM PA SUD

Home PA Digitale Le parole della Ministra del Lavoro a FORUM PA SUD

La Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, è intervenuta a FORUM PA SUD per parlare di digitalizzazione della PA e del progetto Garanzia Giovani.

14 Novembre 2019

F

Redazione FPA

Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e lavoro ai giovani (soprattutto del Sud): sono stati questi i temi trattati dalla Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, Nunzia Catalfo, durante FORUM PA SUD.

“Ho sempre pensato e sostenuto chele istituzioni hanno il dovere di rendere pubbliche e relazionare i cittadini sulle attività che realizzano” ha dichiarato durante il convegno “Garanzia giovani per l’innovazione delle politiche attive del lavoro“.

Nel caso del suo Ministero, la digitalizzazione sembra a buon punto: “Bisogna attivare un percorso che semplifichi la vita a chi si interfaccia con la PA: al Ministero del Lavoro è in atto un processo di digitalizzazione molto forte, improntato soprattutto sulla facilità di accesso ai servizi. Oggi al Ministero è possibile accedere con SPID a 5 dei 12 servizi telematici dell’amministrazione. Entro i primi mesi del 2020, inoltre, SPID sarà l’unica modalità di accesso a tutti i servizi telematici del Ministero del Lavoro.

Parlando di Garanzia Giovani, la Ministra del Lavoro ha affermato che ci sono delle criticità: “Garanzia giovani è un progetto innovativo e sperimentale che forse non ha ottenuto i risultati sperati. Bisogna, perciò, superare le criticità perché alcuni dati che emergono sono importanti: il 78% di chi ha avuto accesso alla misura è stato intermediato dai centri per l’impiego”.

“L’80% dei giovani iscritti al programma è stato preso in carico da un servizio pubblico o privato”, continua la Ministra “ma 300mila di questi hanno desistito”.

Su questo argomento

Cittadini digitali: il punto a “Trento Smart City Week”