Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Modena, l’anagrafe va on line

Home PA Digitale Gestione Documentale Modena, l’anagrafe va on line

Dal 26 marzo i cittadini modenesi potranno evitare code e spostamenti, prenotando on line gli appuntamenti per accedere ad alcune tipologie di servizi, e richiedendo e stampando direttamente via Internet i certificati anagrafici con timbro digitale

20 Marzo 2012

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Dal 26 marzo i cittadini modenesi potranno evitare code e spostamenti, prenotando on line gli appuntamenti per accedere ad alcune tipologie di servizi, e richiedendo e stampando direttamente via Internet i certificati anagrafici con timbro digitale

La prenotazione degli appuntamenti riguarda le pratiche per i cambi di indirizzo all’interno del Comune di Modena, le richieste di residenza da altri Comuni e dall’estero e quelle per l’ottenimento delle carte d’identità elettroniche. Dal 26 marzo, i cittadini potranno fruire di questi servizi solo chiedendo in precedenza un appuntamento, compilando un apposito modulo on line e ricevendo via e-mail il codice di prenotazione, da esibire in Comune nel giorni fissato per l’incontro, e le informazioni su data, luogo e modalità di ottenimento del servizio. La mail conterrà anche le credenziali personali (username e password) da usare per modificare eventualmente l’appuntamento preso, o accedere in futuro al servizio prenotazioni per nuove richieste.

Per i cittadini sprovvisti di pc e/o collegamento a Internet, la prenotazione è possibile anche presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune o via telefono. 

Per quanto riguarda i certificati anagrafici e di stato civile, tra cui quelli di nascita, residenza e stato di famiglia, sempre a partire dal 26 marzo i cittadini potranno collegarsi al sito, autenticarsi con le proprie credenziali personali (ottenibili presso l’URP, l’Anagrafe centrale o quelle di Circoscrizione), e farne richiesta. I certificati, stampati in formato pdf, saranno inviati entro 48 ore all’indirizzo di posta elettronica indicato e avranno pieno valore legale anche se stampati su carta, essendo muniti di un timbro digitale riconoscibile con appositi software presso tutti gli enti e gli uffici che dovessero farne richiesta, tra cui ad esempio le banche e le assicurazioni.

Come per tutti i tipi certificati, anche questi saranno soggetti a diritti di segreteria. Quelli esenti da bollo potranno essere perciò liberamente stampati e utilizzati, mentre per quelli richiedenti il bollo i cittadini dovranno prima acquistare la marca da 14,62 euro e comunicare il suo numero identificativo in un apposito campo, all’atto della compilazione on line per la richiesta del certificato.

Annunciando le novità, il Comune di Modena ricorda anche che per legge i certificati anagrafici, così come tutti gli altri rilasciati dalle pubbliche amministrazioni, sono utilizzabili solo nei rapporti tra i privati, mentre le stesse amministrazioni e i privati gestori di pubblici servizi devono accettare le autocertificazioni e dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà, in loro sostituzione.

FONTE: Emilia Romagna Digitale