Piccoli (Dgroove): “RTD, un timoniere troppo spesso solo. Dobbiamo favorire la creazione di comunità”

Home PA Digitale Piccoli (Dgroove): “RTD, un timoniere troppo spesso solo. Dobbiamo favorire la creazione di comunità”

Andrea Piccoli, Advisory Chief Digital Officer di Dgroove, parteciperà al Tavolo di lavoro a FORUM PA 2022 dedicato alla community dei Responsabili per la Transizione al Digitale (RTD). Gli abbiamo chiesto di anticiparci un po’ la sua visione sul particolare momento che sta vivendo questa figura in un contesto davvero inedito per il cambiamento della PA

26 Maggio 2022

F

Redazione FPA

Piccoli (Dgroove): “RTD, un timoniere spesso solo. Dobbiamo favorire la creazione di comunità”

Collaborazione, lavoro, networking: queste le parole chiave che emergono da questa intervista ad Andrea Piccoli, Advisory Chief Digital Officer di Dgroove, e che saranno anche alla base dell’incontro in programma a FORUM PA 2022: il Tavolo di Lavoro di FPA dedicato alla community dei RTD (Responsabili per la Transizione al Digitale). Il concetto è semplice, ma centrale: se vogliamo veramente arrivare a un cambiamento dobbiamo affrontarlo insieme e lavorare insieme

Andrea Piccoli parteciperà al Tavolo di FORUM PA 2022 e gli abbiamo chiesto di anticiparci un po’ la sua visione sul particolare momento che sta vivendo la figura del Responsabile per la Transizione al Digitale in questo contesto unico per il cambiamento della PA.

Ecco alcuni spunti emersi dall’intervista.

“Il RTD è un po’ come un timoniere nel tempestoso mare della trasformazione digitale della Pubblica amministrazione, chiamato a traguardare gli obiettivi della Strategia PA 2026. E come il timoniere, il suo primo traguardo è costruire un gruppo di lavoro multidisciplinare, che gli consenta di condividere e creare consenso interno per vincere le resistenze al cambiamento che spesso sono molto forti nelle organizzazioni”.

“Samo in un momento in cui la normativa sulla digitalizzazione è estremamente dinamica, è in continua mutazione, in continuo aggiornamento e la PA deve fare un passaggio fondamentale per passare dalla cultura dell’adempimento amministrativo a quella di essere al servizio dei cittadini, dei professionisti e delle imprese”.

“Innovare implica cambiare. E per guidare il cambiamento servono doti manageriali, di gestione, di progettualità e di leadership ovvero la capacità di coinvolgere e lavorare insieme con tutta l’organizzazione per perseguire gli obiettivi”.

Nell’intervista anche un focus sulle prospettive della gestione documentale in relazione a Piano Triennale e Strategia PA digitale 2026, e in particolare sullo Sportello digitale unico, progetto di punta della Strategia. Infine, il tema del riuso, focus di Dgroove: “Il riuso serve a creare delle comunità di riferimento, che non condividono semplicemente il fatto di usare lo stesso software, investire per il suo miglioramento e la sua manutenzione, ma anche il fatto di condividere buone pratiche e un approccio multidisciplinare alle sfide della trasformazione digitale. Per un RTD, che tornando alla metafora iniziale, si sente spesso solo al timone in un mare tempestoso, è fondamentale creare delle comunità, muoversi in una flotta, per condividere sia le difficoltà che risultati ed approcci”.

Su questo argomento

Le opportunità del PNRR per la gestione documentale digitale: una guida pratica