Soluzioni per la gestione della finanza locale

Home PA Digitale Soluzioni per la gestione della finanza locale

Si pone a un livello strategico la scelta degli enti locali di adottare sistemi di gestione digitali, che possono semplificare di molto i processi, gli adempimenti normativi e i meccanismi di riscossione e controllo. Rappresentano due case study le esperienze esposte dal comune di Romentino, che grazie all’utilizzo del software innovativo a sistema integrato e il servizio di supporto reso da Servizi Locali S.p.A. ha sperimentato miglioramenti nella gestione dei tributi, e dal Comune di Matera, che con Servizi Locali S.p.A. ha avviato un percorso di animazione territoriale per diffondere la cultura digitale tra i cittadini

30 Marzo 2023

F

Redazione FPA

Foto di Towfiqu barbhuiya su Unsplash - https://unsplash.com/it/foto/jpqyfK7GB4w

Gli enti territoriali raccolgono risorse attraverso diverse tipologie di entrate, che poi vengono impiegate per realizzare tutta una serie di interventi che vanno a beneficio della collettività e del territorio. Quasi il 52% di queste risorse arriva da entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa. In cifre, nel 2021 le entrate comunali totali di natura tributaria, contributiva e perequativa hanno raggiunto i 39,3 miliardi di euro (dati Ragioneria Generale dello Stato).

Sono quindi una componente fondamentale per il finanziamento dei servizi ai cittadini e per questo diventa strategico per un Ente locale l’adozione di sistemi di gestione digitali, che possono semplificare di molto i processi, gli adempimenti normativi e gli stessi meccanismi di riscossione e controllo. Secondo dati di Openpolis, infatti, tra le entrate che risultano più evase rispetto al gettito teorico, figurano la Tasi (25,2%) e l’Imu (25,1%), due delle tre tradizionali entrate comunali che concorrono al finanziamento delle amministrazioni.  L’impatto sull’offerta di servizi non può essere sottovalutato.

Servizi Locali S.p.A. nasce nel 2000 con una missione: supportare la PA e in particolare i Comuni più piccoli con soluzioni integrate nella gestione delle entrate tributarie, spesso fonte principale di bilancio. L’obiettivo della società è di portare equilibrio nei conti degli Enti più piccoli, attraverso l’implementazione di una gestionale integrato con le principali piattaforme abilitanti (ANPR, Spid, CIE, PagoPA), ma anche di attivare, attraverso azioni di sensibilizzazione territoriale, una comunicazione efficace e alla pari tra amministrazione e cittadini. Un’attività volta, quindi, ad alimentare una cultura digitale sul territorio accanto alla digitalizzazione dei processi.

“Ci siamo preoccupati da subito di dare valore al cittadino, realizzando un portale che gli permettesse di non dover andare allo sportello per certificazioni, informazioni, quietanze di pagamento ma, attraverso un unico accesso SPID/CIE su “Ente Digitale”, ottenere la documentazione in un fascicolo unico”. Giuseppe Carratta, presidente Servizi Locali S.p.A.

La soluzione per la finanza locale

Servizi Locali S.p.A. ha sviluppato un sistema integrato di gestione delle entrate, denominato “Ente Digitale”, che agendo su un doppio livello, permette al Comune di rispondere velocemente alle istanze dei cittadini, semplificando i processi interni e le comunicazioni, e al cittadino di trovare in un’area personale, “Il fascicolo del contribuente” accessibile tramite Spid o CIE la propria documentazione, lo storico dei pagamenti ed eventuali crediti, per cui richiedere il rimborso.

Accanto al portale “Ente Digitale”, l’azienda ha anche sviluppato “Semplìcita Relationship Management” una soluzione che, attraverso il ricorso ai più comuni canali di comunicazione quali whatsapp, email, numero dedicato, ecc., consente al cittadino di comunicare con immediatezza con il proprio ente e al back office comunale di rispondere in tempo reale.

Come il Comune di Romentino ha aumentato le entrate

Romentino è un piccolo comune (5.655 abitanti) della provincia di Novara. L’obiettivo del Comune era ridurre la consistenza dei residui attivi sino ad azzerarli e, conseguentemente, di eliminare i costi finanziari derivanti dal ricorso all’anticipazione di tesoreria.

Quando iniziammo a collaborare con il Comune di Romentino a fine 2019, ci ponemmo insieme all’amministrazione un obiettivo: raggiungere un livello di incassi vicino al 100% delle previsioni di bilancio. La sfida è stata vinta”. Giuseppe Carratta, presidente Servizi Locali S.p.A.

Nel 2022 la previsione di bilancio era pari a 1.071.000 euro con un incasso reale di 1.095.000 euro. Numeri positivi che hanno caratterizzato anche gli anni precedenti: nel 2021, incassi pari a 1.080.000 euro a fonte di un previsionale 1.045.000 euro.

Il maggior incasso dell’IMU ordinario ha permesso di aumentare la previsione di entrate sul bilancio degli anni successivi, arrivando a prevedere nel costruendo bilancio di previsione 2023/2025 un’entrata IMU di € 1.100.000. Mentre per quanto riguarda l’attività di recupero coattivo IMU la percentuale di incasso è arrivata al 75% rispetto al 66% del 2019, generando così una diminuzione della percentuale da accantonare a Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità (FCDE) nel bilancio di previsione 2023/2025.

“L’impegno dell’ufficio, l’utilizzo del software innovativo a sistema integrato e il servizio di supporto a tutto campo reso da Servizi Locali S.p.A. ha portato a notevoli miglioramenti nella gestione dei tributi, emersa palesemente da un aumento della percentuale d’incasso sia della gestione ordinaria che del recupero crediti”. Elena Bozzola, Responsabile del Settore Finanziario del Comune di Romentino

La TARI ordinaria ha raggiunto una percentuale di incasso dell’83% nel 2021 rispetto al 2017, che era circa 75%. Anche qui il vantaggio si ripercuote sull’accantonamento a FCDE. Mentre l’attività di recupero coattivo TARI ha registrato una percentuale di incasso nell’ultimo anno del 74% rispetto al 71%.

Il Comune con il supporto legale di Servizi Locali S.p.A.  ha avviato, anche, una formazione specifica del personale, individuando la figura del Funzionario della riscossione.

Comune di Matera, azioni per rafforzare la cultura digitale

In collaborazione con il Comune di Matera, Servizi Locali S.p.A.  ha progettato un percorso di animazione territoriale per diffondere la cultura digitale. Sono coinvolti i principali attori del territorio: scuole, ordini professionali, associazioni di categoria, CAAF, associazioni culturali, ecc.

Il progetto prevede una parte formativa rivolta alle scuole primarie, che coinvolgerà oltre i bambini anche le loro famiglie, e che è volta ad un uso corretto e consapevole dei canali social, alla conoscenza e al contrasto al cyber bullismo.

“Siamo convinti che sono queste le azioni che un’azienda che ha veramente a cuore il benessere e il rispetto per il cittadino e per le Istituzioni, debba porre in atto”. Giuseppe Carratta, presidente Servizi Locali S.p.A.

Servizi locali, soluzioni per la gestione della finanza comunale

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Su questo argomento

Intelligenza artificiale nella pubblica amministrazione: sfide e opportunità