Transizione al cloud, Lorenzo Greco (Lutech): “Bisogna aiutare i decisori pubblici a sfruttare la tecnologia”

Greco (Lutech): “Bisogna aiutare i decisori pubblici a sfruttare la tecnologia per migrare al cloud”
Home PA Digitale Transizione al cloud, Lorenzo Greco (Lutech): “Bisogna aiutare i decisori pubblici a sfruttare la tecnologia”

La modernizzazione della Pubblica Amministrazione è un passaggio fondamentale per lo sviluppo dell’intero paese. Per concretizzarlo, Kyndryl, Lutech e Vodafone hanno siglato la convenzione Consip per erogare servizi professionali che consentiranno alla PA di migrare le proprie applicazioni e piattaforme in ambienti cloud. Insieme a Lorenzo Greco, Chief Revenue Officer di Lutech, vediamo come affrontare questo passaggio e quali errori evitare

24 Ottobre 2022

F

Redazione FPA

Greco (Lutech): “Bisogna aiutare i decisori pubblici a sfruttare la tecnologia per migrare al cloud”

La transizione digitale della Pubblica Amministrazione sarà essenziale non solo per la crescita del Paese, ma anche per permettere a tutti i cittadini l’esercizio dei propri diritti di cittadinanza digitale. L’obiettivo della PA è offrire servizi sempre più efficienti ed accessibili, diventando una vera e propria alleata di cittadini e imprese. Per farlo, però, le amministrazioni avranno bisogno di un aiuto: vediamo come, insieme a Lorenzo Greco, Chief Revenue Officer di Lutech.

La Pubblica Amministrazione è una macchina complessa che spesso poggia i propri sistemi su infrastrutture obsolete. Secondo Greco, questa complessità deriva innanzitutto dalla diversità delle differenti realtà e situazioni: “Se da un lato abbiamo una PA che ha dimostrato negli ultimi anni di essere molto evoluta, con dei progetti che hanno trasformato in maniera importante la vita dei cittadini e delle imprese (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente, fatturazione elettronica, Pago PA), dall’altra parte però non possiamo nascondere che 8.000 comuni, le pubbliche amministrazioni locali e alcune pubbliche amministrazioni centrali ancora non hanno raggiunto quel livello di maturità tale, quel livello di innovazione che oggi è richiesto alla PA”.

Ma quali sono le principali difficoltà che incontrano le PA in questo processo di cambiamento? Secondo Greco, le Pubbliche Amministrazioni non riescono sempre ad avere una visione unica nell’erogazione dei servizi. Avendo canali di comunicazione e di accesso ai servizi diversi, quello che manca è una visione unica dell’utente. E questo può creare dei gap involontari, che rallentano il passaggio al cloud. Per Lorenzo Greco: “L’errore che si commette è quello di interpretare e vivere il cloud come un problema infrastrutturale e puramente tecnologico. Quando si ripensano i processi, quando si cambiano, si trasformano, si modernizzano le azioni, allora il cloud riesce a dare tutti i benefici per cui è nato”.

Aiutare la Pubblica Amministrazione ad affrontare la sfida della trasformazione dei processi, della modernizzazione e della migrazione delle applicazioni in un contesto nuovo: è questo, infine, l’obiettivo della convenzione Consip per l’erogazione di servizi professionali, siglata a luglio scorso dal raggruppamento RTI Kyndryl, Lutech e Vodafone.

Su questo argomento

PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA