Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Via libera all’offerta Telecom a 100Mega. Comincia l’era delle NGN?

Home PA Digitale Via libera all’offerta Telecom a 100Mega. Comincia l’era delle NGN?

Via libera dal Consiglio dell’Autorità per le comunicazioni all’offerta di Telecom Italia per la connessione ultraveloce a 100 Megabit. A quanto si apprende il via libera è arrivato ma “con condizioni”.

10 Febbraio 2011

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Via libera dal Consiglio dell’Autorità per le comunicazioni all’offerta di Telecom Italia per la connessione ultraveloce a 100 Megabit. A quanto si apprende il via libera è arrivato ma “con condizioni”.

Nella seduta di ieri 9 febbraio 2011, il Consiglio dell’Autorità Garante per le Comunicazioni (AGCOM) ha approvato una fase di sperimentazione commerciale di servizi a banda ultralarga (100Mbit/s) di Telecom Italia.

Per scongiurare il rischio di monopolio, l’Autorità ha imposto a Telecom Italia alcuni vincoli di rivendita dell’offerta all’ingrosso agli altri operatori, in particolare, sulle vendite all’ingrosso,  Telecom potrà scontare il 12% rispetto alla sua migliore offerta al cliente finale. L’offerta dettagliata all’ingrosso dovrà arrivare entro dicembre 2011, tuttavia, Telecom dovrà lanciare subito un’offerta all’ingrosso di semplice rivendita; dopo 30-60 giorni da questa potrà dare i servizi in fibra al pubblico.

In ogni caso, l’Autorità ha ritenuto opportuno porre alcune ulteriori condizioni alla commercializzazione dell’offerta da parte di Telecom Italia.

In primo luogo, l’azienda potrà proporre il servizio solo nelle città in cui siano già presenti offerte di servizi NGN da parte di altri operatori in concorrenza, così da evitare fenomeni di pre-emption del mercato.
In secondo luogo, viene posto un limite al numero massimo di clienti (40 mila) che Telecom Italia potrà acquisire nel periodo considerato.
Si parla, quindi, al massimo di 40.000 utenti residenti in sette città: Roma, Milano, Catania, Bari, Venezia, Torino e Bologna.
Come ultimo vincolo l’Autorità ha deliberato che l’autorizzazione abbia carattere temporaneo: l’Autorità provvederà ad un riesame dell’offerta, alla luce delle dinamiche di mercato.

Il Presidente Calabrò ha dichiarato: “Con la decisione odierna l’Autorità consente a Telecom Italia e ai concorrenti che si avvarranno delle corrispondenti offerte wholesale di iniziare a sperimentare la commercializzazione di un servizio a banda ultra larga, in attesa del completamento del quadro delle regole NGN”.

 

Su questo argomento

Tecnologia e Governance per la città sostenibile: comincia il percorso verso ICity Lab 2018