Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Procurement dell’innovazione: cosa è emerso dal confronto con il Consorzio dei Comuni Trentini

Home Riforma PA Procurement Pubblico Procurement dell’innovazione: cosa è emerso dal confronto con il Consorzio dei Comuni Trentini

Lo scorso 5 dicembre in un incontro presso il MART – Museo di Arte Contemporanea di Rovereto un incontro per approfondire l’impianto acquisti vigente per la Provincia autonoma di Trento, e relativa normativa di dettaglio, gli strumenti e le pratiche per raccogliere e analizzare i fabbisogni della PA, anche di carattere innovativo. Ecco come è andata

18 Dicembre 2019

B

Marina Bassi

Project Officer Area Ricerca, Advisory e Formazione FPA

Photo by David Werbrouck on Unsplash - https://unsplash.com/photos/5GwLlb-_UYk

Il Consorzio dei Comuni Trentini costituisce un punto di riferimento per i 170 comuni e 14 Comunità di valle in termini di trasformazione digitale e servizi pubblici digitali al cittadino. In questo contesto di continua evoluzione un ruolo fondamentale è ricoperto dalle procedure di acquisto ICT per le PA, e come queste siano condizionate dai dati forniti dagli utenti stessi nel momento in cui interagiscono con i portali dei Comuni facenti parte del Consorzio.

Ne abbiamo parlato lo scorso 5 dicembre in un incontro presso il MART – Museo di Arte Contemporanea di Rovereto con il supporto di Paola Conio, Senior Partner dello Studio Legale Leone. L’incontro ha costituito un momento utile per approfondire l’impianto acquisti vigente per la Provincia autonoma di Trento, e relativa normativa di dettaglio, analizzando gli strumenti e le pratiche per raccogliere e analizzare i fabbisogni della PA, anche di carattere innovativo, nonché per confrontarsi con chi, come il CSI Piemonte, ha visto in questo un’opportunità.

È stato approfondito anche il tema del rapporto affidatario tra PA e operatore privato, che pone sfide per quanto riguarda la gestione dei servizi. La rigidità degli strumenti giuridici attualmente a disposizione delle amministrazioni deve fare i conti con i margini di flessibilità richiesti dalla dinamicità dei dati a disposizione degli operatori. Come individuare i fabbisogni dell’amministrazione – e dei cittadini – e programmare le risposte? Come individuare e implementare i dispositivi più efficaci per gestire la relazione con il territorio e il mercato? Ne abbiamo discusso con Federico Morando, CEO e co-founder Synapta.

Vuoi sapere com’è andata? Guarda qui!

Su questo argomento

“Sblocca cantieri”: come impatta sul procurement pubblico? Ce lo spiega Paola Conio