Telemedicina: l’esperienza della Ulss 3 Serenissima

La telemedicina non è una semplice “videovisita”: l’esperienza della Ulss 3 Serenissima

Home Sanità La telemedicina non è una semplice “videovisita”: l’esperienza della Ulss 3 Serenissima

Collegare professionisti e pazienti che possono essere seguiti da casa attraverso una piattaforma digitale, impostando così un percorso completo di telemedicina, con un costante interfacciamento tra questi due attori, la rilevazione strutturata di parametri e produzione di referto. Questa la strada di telemedicina che sta seguendo la Ulss 3 Serenissima, considerata una vera e propria best practice nel settore

11 Marzo 2021

F

Redazione FPA

Potete rivedere la rubrica “Storie di innovazione”, andata in onda il 26 febbraio 2021 all’interno della trasmissione settimanale di FPA “Sulle tracce dell’innovazione”. In questa puntata, un focus sulla telemedicina, attraverso l’esperienza della ULSS 3 Serenissima di Venezia, considerata una vera e propria best practice in Italia.

Ospiti della puntata: Giuseppe Dal Ben, Direttore Generale della ULSS 3 Serenissima; Michele Tessarin, Direttore Sanitario della ULSS 3 Serenissima; Giuseppe Grassi, Direttore Unità Operativa Cardiologia dell’Ospedale SS. Giovanni e Paolo di Venezia.