Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

100 progetti per cambiare la città: il programma di Bologna Smart City a Smart City Exhibition

Home Città e Territori 100 progetti per cambiare la città: il programma di Bologna Smart City a Smart City Exhibition

Comune di Bologna, Università e Aster presentano 100 progetti per cambiare la città sulla base delle più avanzate esperienze europee in un’ottica di valorizzazione delle conoscenze e innovazione tecnologica, per una svolta verde dell’economia e degli stili di vita. Attraverso un percorso di 23 eventi tra presentazioni e workshop, dal 29 al 31 ottobre, Bologna sarà protagonista con un proprio spazio espositivo all’interno della Fiera Smart City Exhibition (BolognaFiere).

24 Ottobre 2012

R

Redazione FORUM PA

Comune di Bologna, Università e Aster presentano 100 progetti per cambiare la città sulla base delle più avanzate esperienze europee in un’ottica di valorizzazione delle conoscenze e innovazione tecnologica, per una svolta verde dell’economia e degli stili di vita. Attraverso un percorso di 23 eventi tra presentazioni e workshop, dal 29 al 31 ottobre, Bologna sarà protagonista con un proprio spazio espositivo all’interno della Fiera Smart City Exhibition (BolognaFiere). La compagine sarà rappresentata dalla piattaforma “Bologna Smart City” nata dal Protocollo d’intesa firmato da Sindaco, Rettore e dal Presidente di Aster nel luglio scorso.

"Stiamo lavorando insieme ad Università, Aster e ad un panel importante di imprese per offrire il massimo dei servizi e delle tecnologie ai cittadini. Questo appuntamento rappresenta una vetrina nazionale dove Bologna torna a misurarsi con risultati evidenti e una forte partecipazione", dichiara Matteo Lepore, assessore Progetto Smart City e Agenda Digitale del Comune di Bologna.

"L’Università di Bologna – spiega Carlo Alberto Nucci, coordinatore del gruppo di lavoro Smart City dell’Alma Mater – è da tempo impegnata in attività che favoriscono l’impiego evoluto di tecnologie da parte delle imprese, della amministrazione, dei cittadini da un lato e la diffusione del sapere dall’altro. Il gruppo di lavoro sta lavorando intensamente da mesi con Comune, Aster, Regione ed imprese per lo sviluppo e la messa a punto di progetti per la città aventi per tema mobilità intelligente, piattaforme Cloud per il cittadino, sensori e sistemi intelligenti per migliorare la sicurezza degli edifici e l’affidabilità delle infrastrutture, salute, cultural heritage e smart grid. Alcuni di questi saranno sottoposti tra pochi giorni al MIUR nell’ambito del bando che mette a disposizione oltre 600 milioni di euro destinati alle città e comunità ‘Smart’ e all’innovazione sociale".

"Aster – commenta Paolo Bonaretti, direttore di Aster – può supportare questo percorso grazie alla rete di relazioni con imprese, nuove e già mature, ricerca e formazione che intesse con le sue attività. A Bologna  e nella nostra regione c’è una grande ricchezza di idee e di fatti: il sistema delle imprese, la filiera della formazione dalla scuola ai master e ai dottorati di ricerca industriale, l’impegno dei singoli cittadini in attività sociali e culturali. Il percorso di Bologna Smart City è una strada per mettere a valore tutto questo e al servizio dell’intero territorio regionale e della città metropolitana. Questa partnership con l’Alma Mater e il Comune è fonte di ulteriori connessioni che consentiranno di aprire, per così dire, nuove piste di decollo e di atterraggio per i progetti di crescita della città e della regione."

I progetti che saranno presentati in occasione di Smart City Exhibition sono stati selezionati attraverso una call a cui hanno partecipato più di 52 soggetti pubblici, privati e società civile. Si parlerà di orti urbani e del Piano dell’energia sostenibile del Comune, di pali intelligenti per l’infomobilità e il controllo energetico, di smart grid per lo sfruttamento di risorse energetiche da fonte rinnovabile, di infrastrutture strategiche tra mobilità, sanità, di uso dei social media in caso di emergenza e  di inclusione digitale, di imprese creative sulla la via Emilia, di uso dei dati  pubblici per lo sviluppo di cittadinanza, di marketing urbano, di servizi collaborativi e del futuro della rete civica bolognese. 

Il programma sarà concluso da un incontro tra il Sindaco Virginio Merola e un panel di start up bolognesi.

Bologna Smart City è progetto di Comune di Bologna, Alma Mater Studiorum-Università di Bologna e Aster in partnership con Enel, Aeroporto di Bologna, HERA, Engineering, Interporto di Bologna, Cisco, Tper, Acantho, CAAB, Cofely, ATC, Laboratori Guglielmo Marconi.

Per maggiori informazioni: iperbole2020.tumblr.com

Questo l’elenco dei progetti

Il programma è disponibile in formato pdf a questo link 

Su questo argomento

Sanità, Sud, Città: ecco le tre manifestazioni autunnali di FPA