Cecilia Del Re a FORUM PA 2022: “Progettare per replicare nel territorio circostante è tra le priorità di Firenze”

Cecilia Del Re a FORUM PA 2022
Home Città e Territori Cecilia Del Re a FORUM PA 2022: “Progettare per replicare nel territorio circostante è tra le priorità di Firenze”

Cecilia Del Re, Assessore a urbanistica, ambiente e agricoltura urbana del Comune di Firenze, a FORUM PA 2022 ha illustrato le priorità della città nel percorso di trasformazione digitale

28 Luglio 2022

F

Redazione FPA

Cecilia Del Re a FORUM PA 2022

La governance dell’innovazione e la collaborazione tra istituzioni centrali ed enti territoriali – fattore essenziale per l’implementazione delle diverse progettualità previste dal PNRR – è stato il focus di uno degli scenari realizzati a FORUM PA 2022. Su questi temi è intervenuta anche Cecilia Del Re, Assessore a urbanistica, ambiente e agricoltura urbana del Comune di Firenze, amministrazione molto attiva sul tema dell’innovazione digitale. Ad oggi, come ci racconta Cecilia Del Re, Firenze stima circa l’80% della totalità dei servizi al cittadino online e punta a sfruttare le risorse del PNRR per arrivare al 100%. A questo proposito, la città di Firenze si sta impegnando nella realizzazione della smart city control room (prevista per la fine dell’anno) e nel rafforzamento di progetti che aumentino la coscienza digitale dei cittadini, come Firenze Digitale. La città di Firenze mette al centro l’idea di progettare in ottica di replicabilità verso il territorio circostante, confermando così il ruolo di comune capoluogo, nonché capofila nel percorso di innovazione digitale.

L’intervento dell’Assessora Del Re è stato estratto dallo scenario “Trasformazione digitale del PAese: la sfida dell’attuazione” a FORUM PA 2022. È possibile vedere la registrazione integrale dell’evento

Il Comune di Firenze partecipa ad ICity Club – l’Osservatorio della trasformazione digitale urbana di FPA

Su questo argomento

Massimo Bugani a FORUM PA 2022: "Il PNRR ha scoperto le lacune, ma soprattutto le possibilità dei Comuni”