EntrareFuori: azioni di urban experience per il rapporto tra Memoria/Reti/Territorio

Home Città e Territori EntrareFuori: azioni di urban experience per il rapporto tra Memoria/Reti/Territorio

Walk show, passeggiate radioguidate per valorizzare il territorio attraverso i nuovi media, esplorando uno spazio pubblico anche attraverso l’utilizzo di smartphone: sarà questa la formula della  manifestazione “EntrareFuori”, realizzata da Urban Experience con il sostegno di Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Cen

17 Gennaio 2012

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Walk show, passeggiate radioguidate per valorizzare il territorio attraverso i nuovi media, esplorando uno spazio pubblico anche attraverso l’utilizzo di smartphone: sarà questa la formula della  manifestazione “EntrareFuori”, realizzata da Urban Experience con il sostegno di Roma Capitale – Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico e della Regione Lazio, in collaborazione con il XIX Municipio di Roma Capitale e  il Museo Laboratorio della Mente ASL ROMA E; in partnership con: Stati Generali dell’Innovazione, La Nuova Ecologia, ArtWireless/LaDante, IED-Istituto Europeo del Design di Roma.

L’appuntamento è per il 18, 19 e 20 gennaio, sempre a partire dalle ore 16, presso il parco del Santa Maria della Pietà, l’ex-manicomio di Roma.

Il walk show è un format di comunicazione di Urban Experience pensato per vivere e condividere gli spazi pubblici delle città e lo abbiamo sperimentato anche nella scorsa edizione di FORUM PA.

L’espressione “Entrare fuori”, come sottolineano gli organizzatori in una nota, nasce dall’affermazione di un paziente psichiatrico, è diventato il motto del Museo della Mente ed oggi viene rilanciato in questo progetto di cultura dell’innovazione. I percorsi della manifestazione, caratterizzati come abbiamo detto dal performing media, vogliono far riflettere sul paradosso di chi, internato in un manicomio, si misurava con il mondo esterno e puntano a far “entrare nella memoria di quel mondo separato, emblema dell’alterità e dell’evoluzione di una società che può interpretare le differenze come  risorsa”.

Le azioni partiranno dall’atrio della palazzina centrale del Santa Maria della Pietà, dove sarà proiettato il geoblog con i percorsi emozionali nel territorio del XIX Municipio, alcune videotag inserite in quella mappa, degustazioni teatrali radioguidate a cura di Koinè  e la Tag Cloud Live  per visualizzare le parole chiave pertinenti il progetto tratte da twitter. Qui saranno date le istruzioni per l’uso ludico-partecipativo dell’esplorazione e consegnate le cuffie radio attraverso cui immergersi nell’ascolto del walk show che attraverserà il parco.

Tra le voci guida, quella di Carlo Infante, coordinatore del progetto, di Silvio Panini della compagnia teatrale Koinè e di Marco Salustri del Museo-Laboratorio della Mente.

Il percorso sarà disseminato di mobtag (da utilizzare con gli smartphone), attraverso cui si raccoglieranno paesaggi sonori e videoclip, tra cui quelli realizzati dagli studenti dello IED di Roma per una  tesi sui percorsi emozionali nel Santa Maria della Pietà .Tra i repertori linkati ci saranno anche brevissimi estratti dal film di Ascanio Celestini “La Pecora Nera”, ambientato e girato proprio al Santa  Maria della Pietà, evocandone la memoria di ospedale psichiatrico chiuso nel 1999, dopo cinque secoli di coercizione.

La tappa finale sarà al Museo della Mente, un esempio straordinario di esposizione multimediale sul tema dell’alterità psichica e sulla memoria dell’ex-manicomio, progettato da Studio Azzurro e premiato dall’ICOM come museo più innovativo dell’anno 2010 in Italia.

Una segnalazione in particolare: il 19 gennaio alle 17,30 è previsto un Talk-Lab su Performing Media per la cultura dell’innovazione, un seminario di studio con applicazioni di visual thinking per esplicitare le nuove potenzialità della creatività connettiva.

Il programma della manifestazione

La partecipazione ai walk show è gratuita, ma è vivamente consigliata la prenotazione sul social network urbanexperience.it

FONTE: Urban Experience

Su questo argomento

Un parco di storie, le vostre storie: co-creare mappe del racconto sotto l’emergenza dell’epidemia