A Firenze una piattaforma digitale per il verde pubblico

Home Città e Territori A Firenze una piattaforma digitale per il verde pubblico

Firenze Smart Green è una piattaforma di smart city per il verde pubblico del capoluogo toscano. Un progetto premiato dall’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano.

27 Gennaio 2020

F

Redazione FPA

Photo by Ilnur Kalimullin on Unsplash - https://unsplash.com/photos/s-actOfk1cA

Ai Premi “Agenda Digitale” 2019 dell’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano, nella sezione “Agende Digitali degli Enti Locali” è stata premiata la piattaforma digitale del comune di Firenze dedicata al verde pubblico.

Stiamo parlando di un sistema che coniuga il concetto di Smart City con quello di verde pubblico. La città intelligente, infatti, non è solamente innovazione tecnologica: Smart City vuole anche dire cura del verde pubblico con una particolare attenzione alla lotta allo spreco di risorse naturali, miglioramento della salute dei cittadini e partecipazione di questi ultimi alla cura e crescita del verde urbano.

Così, l’amministrazione comunale ha creato la piattaforma Firenze Smart Green per irrigare in maniera smart i giardini, creando un sistema informativo del verde pubblico. Vediamo nel dettaglio il progetto.

Il progetto

Firenze Smart Green prevede un insieme di iniziative in grado di dialogare tra loro per migliorare il verde pubblico della città. Vediamo qualcuna di queste iniziative.

Mappa del verde pubblico e “Dona un albero”

Una mappa interattiva del verde pubblico consente agli operatori cittadini una gestione in real time, in modo da curare e censire il verde pubblico direttamente dal parco, con una logica Open Data, il tutto basato sul Sistema Informativo del Verde Pubblico realizzato con fondi PON Metro Asse 1 2014-2020. Anche l’iniziativa “Dona un albero con dedica” fa parte di questo ecosistema per lo Smart Green.

Questo servizio online – sviluppato internamente al Comune di Firenze, su infrastrutture realizzate con PON Metro – consente di donare con pagoPA un albero alla città, dedicandolo ad un amico o ad una persona cara con un semplice click, direttamente sulla piattaforma. Si può scegliere tra 10 tipi di alberi differenti considerati compatibili con la zona prescelta. L’albero avrà una targhetta con il nome della persona che riceve il regalo accompagnato da un QR code che rimanda alla dedica. Con un altro analogo servizio è possibile, autenticandosi con SPID, vedere l’albero associato alla propria figlia o figlio appena nati, secondo le norme in materia di verde pubblico per le città.

Smart irrigation

Come non citare poi la smart irrigation, realizzata nell’ambito del progetto europeo REPLICATE del bando Smart City Horizon2020 SCC1: in due nuovi giardini della città sono stati installati irrigatori intelligenti, che, misurando la temperatura, l’umidità del suolo e la bagnatura, possono far risparmiare fino al 30% di acqua irrigata ogni anno.

Tutto questo ecosistema è connesso con la piattaforma Big Data cittadina della Smart City Control Room (sempre realizzata nell’ambito del progetto REPLICATE): “Una sola grande stanza che racchiude il controllo del traffico, dei semafori, dell’illuminazione e di tutto quello che ha a che fare con la sorveglianza e la gestione della città, compresa la raccolta dei rifiuti e la pulizia delle strade” si legge dal sito del Comune.

I benefici

Vista l’articolazione della soluzione proposta, i benefici sono molteplici, e vanno da elementi di più alto livello, ossia l’innesco di nuove forme di cittadinanza attiva, una sempre maggiore trasparenza sull’azione dell’Amministrazione nella manutenzione del verde pubblico, un miglior controllo e monitoraggio che garantisce una maggiore sicurezza nella gestione del verde pubblico, a forme di crowdfunding nella manutenzione e cura degli alberi, ad aspetti più tecnologici, come la possibilità di creare a livello cittadino una rete IoT federata fra le diverse utilities cittadine, razionalizzando così i costi di realizzazione, progettazione e mantenimento.

Possono essere riscontrati anche benefici quantitativi, come la possibilità di rilevare perdite in real time nei sistemi di irrigazione cittadina, di risparmiare fino al 30% all’anno in termini di litri erogati per l’irrigazione, di ridurre notevolmente il numero di sopralluoghi dei tecnici del verde nei giardini, riducendo così anche l’inquinamento ed il traffico dei relativi mezzi.

Contatti

Per maggiori informazioni o interviste di approfondimento dell’iniziativa: gianluca.vannuccini@comune.fi.it.

Su questo argomento

FORUM PA Città, l’innovazione a supporto dei processi di trasformazione urbana