Le chiavi dell’innovazione. Ferrari (Comune Modena): “Progetti, formazione e comunità”.

Anticipazioni Modena Smart Life 2022. Intervista Assessora Ferrari (Comune di Modena)
Home Città e Territori Le chiavi dell’innovazione. Ferrari (Comune Modena): “Progetti, formazione e comunità”.

FPA intervista Ludovica Carla Ferrari Assessora alla Città Smart del Comune di Modena. L’occasione è Modena Smart Life: un bilancio dell’ultima edizione del festival, di cui anche FPA è partner, e anticipazioni sull’edizione 2022, che avrà come claim “Umanesimo 5.0”. Ma l’occasione ci è anche utile per parlare del ruolo che giocheranno le città e gli enti territoriali nella stagione di riforme che ha preso il via lungo le direttrici del PNRR

30 Dicembre 2021

B

Eleonora Bove

Senior Content Manager FPA

Anticipazioni Modena Smart Life 2022. Intervista Assessora Ferrari (Comune di Modena)

Quali sono le chiavi dell’innovazione per un ente locale? FPA intervista Ludovica Carla Ferrari, Assessora alla Smart City del Comune di Modena.

Con 73 appuntamenti in 4 giorni, talk, tavole rotonde, conferenze, esposizioni e laboratori, Modena Smart Life 2021 ha coinvolto più di 300 speaker e performer, aziende e cittadini, istituzioni e scuole in una riflessione collettiva sugli ambienti digitali, ecologici e sociali che caratterizzano la vita moderna. Un successo, come ci spiega l’Assessora alla Smart City del Comune di Modena, Ludovica Carla Ferrari, in questa video intervista.

I lavori per l’edizione 2022 del festival della cultura digitale della Città di Modena sono già avviati e i temi ruoteranno intorno al claim “Umanesimo 5.0“.  Nel prossimo futuro sarà necessario un rafforzamento delle competenze e delle capacità di scelta, nell’interazione con le reti, gli algoritmi, i dati. Si tratta quindi di capire di quale umanesimo avremo bisogno; sicuramente veda l’uomo servirsi delle tecnologie senza farsi assorbire da esse.

L’intervista all’Assessora Ferrari è stata anche occasione per confrontarsi sul ruolo che giocheranno le città e gli enti territoriali nella stagione di riforme, che ha preso il via lungo le direttrici del PNRR. Le amministrazioni territoriali saranno chiamate a gestire una quota importante delle risorse messe a disposizione dal PNRR. Secondo l’Ufficio Parlamentare di Bilancio, le risorse vanno dai 66 ai 71 miliardi di euro. È una grande sfida per i Comuni, che spesso soffrono di storiche criticità (poche competenze, carenza di personale ecc) come non perdere l’occasione?