Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Nin fa male ch’è piccate, nin fa bene ch’è spricate – #Chieti #volontariato

Home Città e Territori Nin fa male ch’è piccate, nin fa bene ch’è spricate – #Chieti #volontariato

“Non fare del male perché è peccato, non fare del bene perché è sprecato”. Così si dice a Chieti ..e gli abitanti della città abruzzese sembrano prenderlo alla lettera (almeno stando ai dati di ICity-rate 2012). Grazie ai suoi 4 abitanti ogni 1000 che svolgono attività di volontariato, Chieti guadagna infatti la 97^ posizione nella classifica per l’indicatore "Volontari per 1000 abitanti". Ma i teatini sono in buona, per non dire ottima, compagnia lungo tutta la Penisola. Continuiamo con le "Pillole di ICity-Lab", la rubrica in cui proviamo a verificare modi di dire e luoghi comuni delle città italiane, utilizzando la piattaforma www.icitylab.it.

12 Marzo 2013

C

Chiara Buongiovanni

Articolo FPA

Non fare del male perché è peccato, non fare del bene perché è sprecato”.

Così si dice a Chieti ..e gli abitanti della città abruzzese sembrano prendere l’esortazione alla lettera (almeno stando ai dati di Icity Rate 2012). Grazie ai suoi 4 abitanti ogni 1000 che svolgono attività di volontariato, Chieti guadagna infatti la 97^ posizione nella classifica per l’indicatore "Volontari per 1000 abitanti", elaborazione su dati Istat. Ma i teatini sono in buona, per non dire ottima, compagnia lungo tutta la Penisola.

La media sulle 103 città italiane, Capoluoghi di provincia è di 78 volontari ogni 1000 abitanti. E il saggio, prudente adagio popolare ha, nelle città dello Stivale, più adepti di quanti saremmo portati a credere. E’ solo Bolzano che, svettando su tutte con i suoi 203 volontari ogni 1000 abitanti, alza il valore medio nazionale. La seguono Firenze con 48 e Trieste con 44.

La classifica al rovescio vede il sud in netta pole position, con le ultime 30 posizioni tutte occupate da città meridionali, pur con qualche illustre infiltrato di centro (i capoluoghi di provincia laziali, Roma inclusa e Teramo).

Taranto e Trapani, ultime pari merito, fanno da contraltare a Bolzano con i loro (quasi) 3 volontari su ogni 1000 abitanti.

Qui i dati ripresi dal portale www.icitylab.it per l’indicatore " Volontari per 1000 abitanti" (elaborazione su dati Istat), in attesa dei nuovi dati del Censimento delle Istituzioni non profit 2011 che magari. per questo indicatore, smentiranno il detto.

Per saperne di più e per scoprie le altre classifiche naviga i dati della ricerca Icity-rate 2012  attraverso la piattaforma ICity-Lab

 

 

Su questo argomento

APP PA: l'elenco delle app ufficiali della Pubblica Amministrazione