Regione Puglia a FORUM PA 2012

Home Città e Territori Regione Puglia a FORUM PA 2012

La partecipazione della Regione Puglia all’edizione 2012 del Forum della Pubblica Amministrazione è dedicata a trasparenza, partecipazione e condivisione nella logica dell’Open Government. Nello spazio espositivo tre giorni di presentazioni, incontri, dibattiti e workshop.
Padiglione 7 stand 11A

11 Maggio 2012

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

La partecipazione della Regione Puglia all’edizione 2012 del Forum della Pubblica Amministrazione è dedicata a trasparenza, partecipazione e condivisione nella logica dell’Open Government. Nello spazio espositivo tre giorni di presentazioni, incontri, dibattiti e workshop.
Padiglione 7 stand 11A

La scheda di presentazione a cura di Regione Puglia. 

La Regione Puglia ha partecipato a FORUM PA 2012 con uno spazio multimediale di 140 mq in cui è stato anche possibile provare"Puglia experience", usufruendo della guida interattiva su turismo pugliese con tanto di degustazione di prodotti tipici.

Il visitatore ha trovato, inoltre, informazioni sulle best practice dell’amministrazione pubblica regionale. E’ stato il caso di "Apulian ICT living labs": il progetto della Regione Puglia che punta a capovolgere le coordinate degli avvisi pubblici per i finanziamenti in materia di ricerca stabilendo una connessione stabile e strutturata tra l’ascolto dei bisogni sociali e la tecnologia che deve risolvere i problemi della gente.

E’ stato il caso anche del nuovo sistema informativo "Edotto",  che sta consentendo al servizio sanitario regionale di compiere pienamente la svolta digitale portando con sé tanti vantaggi: dalla possibilità di scegliersi e cambiare on line i medici di famiglia sino alla riduzione delle liste di attesa.

Nelle conferenze tecnico amministrative tenute nello spazio espositivo sono state illustrate al pubblico non solo le nuove prassi amministrative messe in campo dalla Regione Puglia, ma anche quelle legate ai giovani agricoltori (che hanno potuto usufruire degli incentivi all’insediamento messi a disposizione dal Programma regionali per lo sviluppo rurale con un modello d’incentivo incentrato sull’idea d’impresa), alle fonti energetiche rinnovabili, ai servizi innovativi nelle biblioteche ed alle mappe climatiche.