Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Servizi pubblici, dove costano di più?

Home Economia Servizi pubblici, dove costano di più?

Da nord a sud, in media nella grandi città italiane ogni cittadino spende 120 euro all’anno per pagare i servizi pubblici.

3 Febbraio 2016

R

Redazione Openpolis

Fra le 15 città più popolose d’Italia, la più cara è Milano che nel 2013, ultimo anno di rilevazione, incassava €450 pro capite in servizi pubblici. A seguire Firenze (€234) e Bologna (€142). Ultime tre: Palermo (€43,64), Catania (€41,26) e Messina (€36,97).

Uno degli elementi più importanti con cui i cittadini giudicano l’operato del proprio sindaco, è la qualità dei servizi pubblici offerti. Un elemento soggettivo, su cui può essere complicato fare delle analisi. Grazie a openbilanci però possiamo quantificare l’aspetto economico della questione. Quanto spende all’anno il cittadino medio per pagare i servizi pubblici della sua città?

Parliamo della categoria 1) delle entrate extratributarie. E’ la sommatoria di tutti i proventi che l’ente comunale realizza grazie all’erogazione di servizi pubblici ai cittadini, i quali pagano una tariffa per usufruirne. Includono, ad esempio, i proventi ricavati dalla vendita dei biglietti per il trasporto urbano, dalle mense scolastiche, dalle piscine o altri impianti sportivi comunali, manifestazioni turistiche, asili nidi, servizi sociali di assistenza.


Su questo argomento

Open Data nei territori: dal ruolo degli enti locali al coinvolgimento delle community