Torna alla manifestazione Logo manifestazione
Talk e rubriche In presenza

Fondi diretti, riforme e sinergie: il “lavoro di rete” come opportunità di crescita per l’Italia [RPA.12]

22 Maggio dalle 09:30 alle 10:30

Sala 7

Indirizzo copiato negli appunti

Il Dipartimento Affari europei della Presidenza del Consiglio dei ministri si pone come nuovo polo di coordinamento e di supporto per un più efficace accesso ai fondi diretti dell’UE e per le riforme. La conoscenza tecnica degli obiettivi dei programmi di finanziamento dell’UE e l’analisi e l’interpretazione corretta dei bandi sono le chiavi per una progettualità efficace nell’ambito dei fondi diretti. Per crescere nella progettazione e massimizzare l’impatto delle politiche di sviluppo i fondi europei destinati alle diverse politiche possono lavorare in sinergia tra loro e con le riforme strutturali. Le riforme possono aumentare l’efficacia dei finanziamenti europei assicurando un ambiente favorevole agli investimenti e alla crescita sostenibile; allo stesso tempo, i finanziamenti europei possono essere utilizzati per sostenere gli investimenti necessari per attuare le riforme strutturali, come la digitalizzazione, la modernizzazione delle infrastrutture o il finanziamento di programmi di formazione per rafforzare il mercato del lavoro. Per cogliere al meglio le opportunità di finanziamento e di supporto disponibili è importante la costruzione di una rete di relazioni tra tutti i possibili interlocutori di un progetto e tra quelli di programmi e progetti compatibili, sia nella fase di individuazione dei partners esecutivi del progetto che al momento di ideazione del progetto stesso.

Le tematiche proposte verranno discusse in un tavolo di lavoro volto a condividere l’esperienza dei punti di contatto nazionali di alcuni tra i più apprezzati programmi di finanziamento europeo Horizon (APRE), CERV (CERVITALIA), LIFE (MASE), Erasmus+ (INAPP), PROMIS (Regione Veneto) e del programma europeo si sostegno alle riforme TSI (PCM).

L’evento è organizzato dal Dipartimento per gli Affari Europei della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Programma dei lavori

  • Introduce

    •  Laura Cavallo
      Laura Cavallo

      Direttore Generale Ufficio per la gestione amministrativa, la comunicazione, l’accesso ai fondi diretti e il coordinamento sui fondi tematici per le riforme, DAE -Presidenza del Consiglio dei Ministri

      Laureata in Economia e Commercio presso l’Università La Sapienza di Roma, ha conseguito un Master in finanza al Birbeck college – Università di Londra e un dottorato di ricerca in economia e finanza all’Università degli Studi di Roma Tor Vergata dove ha svolto per diversi anni attività in ambito accademico risultando autrice di pubblicazioni su riviste italiane e internazionali.
      Entrata nella pubblica amministrazione con ruolo di Dirigente dal 2000, ha ricoperto diversi incarichi presso le strutture della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in particolare presso il Dipartimento per gli affari economici, il Dipartimento per le Politiche di Coesione e il Dipartimento per gli affari europei, dove presta attualmente servizio. Ha inoltre ricoperto diversi incarichi presso le strutture di diretta collaborazione di vertici politici, tra cui quello di assistente del Presidente del Consiglio per gli affari economici e di Capo della segreteria tecnica del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ha ricoperto ulteriori incarichi, tra cui quello di Direttore dell’Ufficio infrastrutture all’Autorità di regolazione dei trasporti, membro del NARS, e, dal 2020 al 2023, membro del Consiglio di Amministrazione di ENAV S.p.A.

    • Modera
    •  Loretta Niro
      Loretta Niro

      Servizio accesso ai fondi europei e coordinamento per il supporto tecnico alle riforme – Dipartimento Affari Europei Presidenza Consiglio dei Ministri

      Laureata in Giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Roma, abilitata alla professione forense, nel Dipartimento per gli Affari europei si occupa delle attività di comunicazione per un maggiore e più efficace utilizzo dei fondi europei a gestione diretta e delle attività di supporto alle riforme.
      Per l’Ufficio per il Mercato Interno, la competitività e gli affari generali, ha seguito le attività di cooperazione amministrativa tra gli Stati membri per l’applicazione della normativa dell’UE in ordine alla libera circolazione di cittadini, imprese e lavoratori, in particolare quale referente nazionale del Coordinamento del sistema Internal Market Information (IMI). È membro del Gruppo esperti della Commissione UE per l’e-declaration form di distacco dei lavoratori unificato, del Gruppo esperti sul distacco nel settore trasporto, del Gruppo esperti regole sociali.
      Ha lavorato per la Direzione Centrale coordinamento giuridico dell’Ispettorato nazionale del lavoro, collaborando con le Direzioni Centrali della Vigilanza e dell’Innovazione tecnologica. Ha partecipato all’organizzazione e realizzazione di operazioni sovranazionali di vigilanza concertate e congiunte con autorità di altri Stati membri sotto il coordinamento della European Labour Authority (ELA).
      È stata responsabile dell’attività ispettiva dell’ITL di Vicenza, coordinando tra l’altro le verifiche ispettive sul FSE.

    • Intervengono
    •  Federico Benvenuti
      Federico Benvenuti

      Punto di Contatto Nazionale del Programma LIFE e Componente italiano del Comitato UE LIFE – Ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE)

      Il dott. Federico Benvenuti ha conseguito una Laurea in “Economia Ambientale” presso l’Università degli Studi di Siena, un Master di II livello in “Economia e Ingegneria dell’Ambiente e del Territorio” presso l’Università degli Studi Roma Tre e uno in “Tutela dell’Ambiente Globale e Politiche Internazionali” presso l’Università degli Studi della Tuscia (Viterbo).

      Ha insegnato “Economia Ambientale”, come “cultore della materia”, alla Facoltà di “Scienze Matematiche Fisiche e Naturali” dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata (Corso di Laurea Magistrale in “Ecologia e Biologia Evoluzionistica”).
      Lavora nel settore pubblico dal 2005, avendo operato dapprima all’interno del Ministero dell’Agricoltura, come consulente per le analisi ambientali e territoriali nell’ambito delle politiche comunitarie di sviluppo regionale e rurale, e successivamente al Ministero dell’Ambiente, in qualità di esperto senior di attività internazionali ed europee per lo sviluppo sostenibile, nonché di Programmi e Iniziative UE per l’ambiente, la natura e la biodiversità, il clima e l’energia – in primis il Programma per l’ambiente e l’azione per il clima (LIFE), in relazione al quale dal 2014 al 2021 è stato membro del team del “National Contact Point (NCP)”, collocato in Italia proprio presso lo stesso Ministero dell’Ambiente.

      Dal 2022 è inquadrato nei ruoli di quest’ultimo Dicastero con la qualifica di “funzionario tecnico con competenze nel settore dell’economia e fiscalità ambientale”, e risulta assegnato alla Divisione “Affari europei in materia ambientale” della ex Direzione Generale “Attività europea ed internazionale”, dove è Capo Settore per i “Programmi europei a gestione diretta della Commissione europea” e continua a svolgere attività correlate alla partecipazione del Ministero dell’Ambiente ai Programmi tematici dell’Unione europea (UE)”, in particolare il Programma LIFE, per il quale esercita sia la funzione di NCP ufficialmente designato che di rappresentante per l’Italia in seno al Comitato LIFE istituito dall’UE.

    •  Lisa Leonardini
      Lisa Leonardini

      Coordinatrice CTO, ProMIS, UO Commissione Salute e Relazioni Socio Sanitarie – Aulss 4 Veneto Regione Veneto

      Lisa Leonardini, presso la Regione del Veneto, è coordinatrice tecnica del ProMIS (Programma Mattone Internazionale Salute), rete che da 14 anni coinvolge il Ministero della salute e tutte le Regioni e Province Autonome. Esperta nella progettazione e gestione dei Fondi Europei diretti e indiretti, con il team di Programma, opera per intercettare i bisogni di formazione, informazione, ricerca, innovazione e collaborazione del Sistema Europeo della Salute, traducendoli in azioni tra più livelli e più sistemi con effetto moltiplicatore creando cultura e plus valore.

    •  Manuela Marsano
      Manuela Marsano

      Responsabile del punto di contatto nazionale del programma CERV (Cittadinanza, uguaglianza, diritti e valori) – CERVITALIA

      Manuela ha lavorato per 22 anni come progettista sui fondi europei, prima presso la Regione Emilia Romagna e poi come funzionaria del Comune di Bologna, per l’Ufficio progetti europei. Ha sviluppato competenze nell’individuazione dei bisogni progettuali dei committenti e nella successiva individuazione dei programmi e bandi europei che diano risposta a detti bisogni. Negli anni ha scritto e gestito numerosi progetti a valere su diversi programmi e su molteplici tematiche (innovazione sociale, cultura, turismo, violenza di genere, mobilità sostenibile, agricoltura urbana, tra gli altri).
      Docente e formatrice con esperienza ultradecennale, sui temi legati alla progettazione europea e sulle politiche europee, per enti pubblici e privati, università e associazioni di categoria. Relatrice in diversi convegni internazionali.
      Laureata in Scienze politiche internazionali, ottiene un master in Europrogettazione nel 2000 e un master in Management degli Enti Locali, presso la Scuola di Direzione Aziendale Bocconi, nel 2008, con menzione di merito.
      Attualmente Manuela ricopre il ruolo di responsabile del Punto di contatto nazionale del programma europeo CERV (Cittadinanza, uguaglianza, diritti e valori).

    •  Chiara Pocaterra
      Chiara Pocaterra

      Head of Projects Department, Punto Nazionale Programma Horizon Europe – APRE (Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea)

      Chiara Pocaterra è Responsabile del Dipartimento Progetti in APRE, Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, dal 2018. APRE è una associazione di ricerca no-profit che conta più di 150 soci ed è da più di 30 anni il riferimento nazionale per i fondi europei per la ricerca e l’innovazione (Programma Quadro di Ricerca e Innovazione). Il Dipartimento Progetti ha come obiettivo la partecipazione di APRE ai bandi dei finanziamenti europei di ricerca e innovazione ed è costituito da 22 persone suddivise in tre Unità.
      Chiara Pocaterra, economista e project manager, è coordinatore di progetti europei finanziati nell’ambito del Programma Quadro di Ricerca e Innovazione a partire dal 2006 su temi energetici e della bioeconomia. Attualmente coordina il progetto HORIZON EUROPE GenB sull’educazione della bioeconomia verso i giovani.
      Dal 2007 al 2020 ha rivestito la nomina di Punto di Contatto Nazionale (NCP) per il Programma Quadro di Ricerca e Innovazione per le tematiche “Energia” e “Bioeconomia” e nello stesso periodo ha coordinato la rete europea degli NCP Energia.

    •  Ismene Tramontano
      Ismene Tramontano

      Punto di contatto nazionale programma Erasmus+, Primo Ricercatore – INAPP

      Direttrice dell’Agenzia Erasmus + VET INAPP ed è responsabile delle attività per la corretta implementazione e gestione del Programma Erasmus + dalla fase di definizione del Piano di lavoro, in accordo con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, alla valutazione e all’attribuzione dei finanziamenti nonché alla fase di rendicontazione.
      È Presidente del Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni ex art.21, Legge n. 183/2010. Ha cooordinato le attività per la promozione della qualità dei sistemi formativi, per la trasparenza dei titoli e la mobilità interfacciandosi con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS) con il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca (MIUR) e le Istituzioni regionali.
      Rappresenta l’Italia presso la Commissione europea, il Cedefop e gli altri organismi comunitari negli ambiti di riferimento delle reti Europee Eqavet e ReferNet. È responsabile del contributo italiano alla rete del Cedefop ReferNet, di tutta la documentazione e le ricerca realizzate (cfr. Produzione scientifica 4.B e 5.B).

In collaborazione con