Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Emilia Romagna, “convergenza rapida con FedERa, precursore di Spid”

Home PA Digitale Servizi Digitali Emilia Romagna, “convergenza rapida con FedERa, precursore di Spid”

16 Marzo 2016

D

Dimitri Tartari, coordinatore Agenda Digitale, Regione Emilia Romagna e coordinatore tecnico Commissione speciale Agenda Digitale delle Regioni

A breve, non serviranno più decine di password, chiavi e codici per utilizzare i servizi online di pubbliche amministrazioni e imprese. Tra le prime amministrazioni ad aderire a SPID, il nuovo sistema di login appena presentato che consentirà a chiunque in Italia di accedere con un’unica identità digitale (un “pin unico”) a tutti i servizi online di PA e imprese aderenti, c’è la Regione Emilia-Romagna.

“Già da tempo – spiega l’assessore all’Agenda Digitale Raffaele Donini – disponiamo di un sistema di autenticazione unico chiamato FedERa, servizio ‘precursore’ di SPID, disponibile per i cittadini della regione, che ora trova convergenza a livello nazionale”.

> Questo articolo fa parte del dossier “Speciale Cantieri, i protagonisti raccontano Spid: cosa è ora, come sarà”

La Regione Emilia-Romagna ha realizzato infatti e gestisce da diversi anni FedERa, un sistema che permette ai cittadini di usufruire dei servizi delle pubbliche amministrazioni accedendo con un unico username e password. A oggi FedERa conta circa 850.000 identità federate, e consente l’accesso a oltre 150 servizi online degli enti pubblici dell’Emilia-Romagna, di alcuni soggetti privati, e l’esposizione di servizi di piattaforma da parte di oltre 330 Comuni attraverso l’utilizzo di un’unica credenziale di accesso. L’infrastruttura, oggi integrata a SPID, è parte del modello tecnico-organizzativo di collaborazione tra gli enti dell’Emilia-Romagna e permette quindi di integrare tutto il lavoro già realizzato con l’iniziativa e i servizi nazionali.

L’integrazione dell’infrastruttura FedERa come fornitore di servizi permette, attraverso un unico interfacciamento, l’adesione di tutti gli Enti del territorio emiliano-romagnolo a Spid e quindi l’accesso ai relativi servizi online. Si tratta di un vantaggio notevole per gli Enti del territorio, e per l’intero sistema pubblico, grazie ad una ottimizzazione sia gestionale sia di investimenti che sgrava i singoli Enti dalla necessità di integrazione diretta dei singoli servizi con e dai relativi costi.

Va sottolineato che l’infrastruttura FedERa permette da oltre 6 anni di fornire ai cittadini una unica identità digitale gratuita per l’accesso ai servizi online disponibili sul territorio emiliano-romagnolo con un impianto tecnico organizzativo basato sulla collaborazione tra gli Enti del territorio che, grazie alla loro presenza sul territorio e vicinanza al cittadino, permettono l’identificazione dell’utente, condizione necessaria per ottenere una identità digitale valida nell’ambito SPID. I benefici di un tale sistema, consolidato e solido, e del ruolo di fornitori di identità gratuite e devono essere valorizzati a beneficio dell’intero sistema SPID, degli Enti e soprattutto dei cittadini.

“Aderiamo a SPID – sottolinea Donini – con l’obiettivo di integrarci alla strategia nazionale, supportandola. L’obiettivo è semplificare la vita a cittadini e imprese. Per noi, l’introduzione del pin unico in tutto il Paese è una conferma che la strada dell’innovazione, secondo modelli organizzativi e tecnologici adeguati, è una politica vincente. E’ questo l’approccio – conclude l’assessore – che abbiamo scelto per la nostra Agenda Digitale, recentemente approvata dall’Assemblea legislativa”.

Su questo argomento

Telegram Passport farà concorrenza a SPID?