I motori di ricerca google e microsoft per i servizi della Pubblica Amministrazione

Home PA Digitale Servizi Digitali I motori di ricerca google e microsoft per i servizi della Pubblica Amministrazione

 

Dopo il protocollo di intesta siglato dal Ministro Brunetta, con Google martedì scorso, oggi è stata la volta dell’accordo con Bing, il motore di ricerca targato Microsoft.

25 Febbraio 2010

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

 

Dopo il protocollo di intesta siglato dal Ministro Brunetta, con Google martedì scorso, oggi è stata la volta dell’accordo con Bing, il motore di ricerca targato Microsoft.

Obiettivo di questi accordi (in cui le aziende si impegnano senza alcun onere per lo Stato) è portare il know how di Google e Microsoft in materia di web search e di utilizzo strategico delle nuove tecnologie digitali servirà alla Pubblica Amministrazione per migliorare il proprio posizionamento nei motori di ricerca e permettere ai cittadini di reperire più facilmente informazioni attraverso i portali e i siti web della PA.

Le aziende supporteranno la Pubblica Amministrazione nell’analisi dell’attuale livello di gradimento e di fruibilità delle principali informazioni e dei servizi on line per il cittadino offerti dai portali della PA con l’obiettivo finale di aumentare la soddisfazione degli utenti verso i servizi e le informazioni offerti online dalla PA.

I due motori di ricerca permetteranno, ad esempio, alla PA di capire quali sono i servizi più ricercati, i siti più popolari e quelli contenenti informazioni di pubblica utilità più facilmente reperibili attraverso il motore di ricerca.

Inoltre il protocollo siglato con Google prevede la messa a disposizione di tool gratuiti "Google Maps" e "Google Custom Search Engine" e le relative API (interfacce per la realizzazione di applicazioni ad hoc basate sulle due tecnologie) supportando la PA nella realizzazione di progetti pilota di search e georeferenziazione, che permetteranno ai cittadini di reperire con maggiore facilità informazioni legate alla propria area territoriale. Infine, l’intesa prevede la possibilità di attivare collaborazioni con strutture universitarie e/o centri di ricerca per il supporto nella diffusione delle tecnologie innovative oggetto del Protocollo d’intesa.

FONTE: Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione