Intelligenza artificiale nella pubblica amministrazione: sfide e opportunità

Home PA Digitale Intelligenza artificiale nella pubblica amministrazione: sfide e opportunità

Dalla semplificazione delle procedure burocratiche all’ottimizzazione delle risorse, passando per l’implementazione di sistemi predittivi per la pianificazione urbana e la gestione delle emergenze, l’adozione dell’IA promette di aprire un capitolo nuovo e affascinante anche nel mondo delle pubbliche amministrazioni. Sebbene il dibattito sulle implicazioni etiche, sulla sicurezza dei dati e sull’equità dell’IA sia al momento più acceso che mai, in questo articolo abbiamo scelto di mettere in luce le potenzialità che questa tecnologia porta con sé, con l’obiettivo di fornire una panoramica dettagliata e di incoraggiare una riflessione critica sull’impatto dell’IA nel settore pubblico italiano

12 Febbraio 2024

B

Claudia Bertozzi

Project Manager, FPA

Foto di Raúl Gómez su Unsplash - https://unsplash.com/it/foto/un-primo-piano-di-una-scacchiera-con-una-persona-sullo-sfondo-Qiy1jeG9m-o

L’introduzione dell’intelligenza artificiale (IA) nella pubblica amministrazione apre un capitolo nuovo e affascinante, ricco di opportunità anche se non privo di sfide. In un’epoca segnata dalla digitalizzazione accelerata, l’adozione dell’IA promette infatti di rivoluzionare le modalità di erogazione dei servizi pubblici, prospettando soluzioni innovative per una gestione più efficiente e una risposta più rapida alle esigenze dei cittadini.
Dalla semplificazione delle procedure burocratiche all’ottimizzazione delle risorse, passando per l’implementazione di sistemi predittivi per la pianificazione urbana e la gestione delle emergenze, l’orizzonte che si dischiude prospetta un panorama di possibilità fino ad oggi inesplorate, delineando un percorso che – pur con tutte le cautele necessarie – si concentra principalmente sulle potenzialità trasformative di questa tecnologia. In questo contesto, l’IA può fungere da catalizzatore di innovazione e progresso all’interno della PA dell’immediato futuro, per un’amministrazione pubblica più efficiente, trasparente e inclusiva.
Sebbene il dibattito sulle implicazioni etiche, sulla sicurezza dei dati e sull’equità dell’IA sia al momento più acceso che mai, in questo articolo abbiamo quindi scelto di mettere principalmente in luce le potenzialità che questa tecnologia porta con sé, con l’obiettivo di fornire una panoramica dettagliata e di incoraggiare una riflessione critica sull’impatto dell’IA nel settore pubblico italiano.

L’impatto dell’intelligenza artificiale nella pubblica amministrazione

Nel tessuto sempre più digitale della società contemporanea, l’intelligenza artificiale si pone come il catalizzatore di un’evoluzione radicale nella pubblica amministrazione. Una transizione che promette di portare efficienza e innovazione nei servizi ai cittadini, ma che solleva anche importanti questioni in materia di trasparenza e sicurezza. In Italia e in Europa, la navigazione tra queste acque richiede una bussola normativa e un impegno etico in grado di accompagnare con consapevolezza e rispetto ogni passo verso il futuro digitale.

L’introduzione dell’IA nei processi amministrativi pubblici apre le porte a una profonda rivisitazione del rapporto tra cittadini e istituzioni, con la sfida di raggiungere e consolidare il delicato equilibrio tra la promessa del miglioramento dei servizi e la garanzia della tutela dei diritti fondamentali.

Da strumento di nicchia, l’IA si è rapidamente evoluta – e continua ad evolversi, a velocità sempre più incalzante – in elemento cardine per la trasformazione digitale della pubblica amministrazione. In particolare, la possibilità di elaborare grandi quantità di dati e fornire analisi predittive permette di prospettare una gestione sempre più strategica e lungimirante delle risorse pubbliche, attuando un cambiamento epocale nelle modalità di interazione fra la PA e i cittadini, con l’obiettivo di migliorare l’efficienza operativa e la soddisfazione degli utenti con servizi sempre più personalizzati e interattivi. Alcuni sistemi hanno già cominciato ad affermarsi, a partire da applicazioni per ottimizzare il traffico urbano fino a soluzioni per una gestione più efficiente delle risorse sanitarie, in grado di facilitare e ottimizzare il rapporto e la comunicazione fra le amministrazioni e i cittadini.

Questo processo di integrazione, tuttavia, implica – come già anticipato – problematiche fondamentali relative alla sicurezza dei dati, alla privacy degli utenti e all’etica dell’automazione dei processi decisionali, che devono essere orientati ad assicurare il pieno bilanciamento dell’innovazione tecnologica con i diritti individuali e i principi democratici.

È essenziale che i sistemi di IA siano governati da normative chiare e da principi di trasparenza che preservino la fiducia dei cittadini, attraverso una mappa normativa in grado di identificare e regolamentare i sistemi ad alto rischio e di porre le basi per un loro utilizzo consapevole e responsabile.

Come l’IA sta trasformando la gestione dei servizi pubblici

L’introduzione dell’intelligenza artificiale nei servizi pubblici ha innescato una trasformazione rivoluzionaria nelle modalità con cui questi vengono gestiti ed erogati.

Fra gli impatti più significativi dell’introduzione dell’IA all’interno delle amministrazioni pubbliche spicca la possibilità di automatizzare processi complessi e ripetitivi, aumentando l’efficienza grazie alla riduzione del carico di lavoro manuale e migliorando la precisione, minimizzando nel contempo il rischio di errori umani. Basti pensare, ad esempio, all’automazione della gestione documentale, dell’elaborazione delle richieste di prestazioni e servizi e all’elaborazione dei big data per la pianificazione urbana.

Nell’ambito della sanità pubblica, l’IA può essere utilizzata per analizzare i dati dei pazienti e fornire indicazioni personalizzate, migliorando così l’outcome delle terapie e dei successivi follow-up. Allo stesso modo, nei sistemi di trasporto pubblico, l’intelligenza artificiale può ottimizzare le rotte e gli orari in base ai dati del traffico rilevati in tempo reale, aumentando l’efficienza e riducendo i tempi di attesa per i viaggiatori.

Attraverso l’analisi predittiva,l’IA può aiutare le amministrazioni pubbliche ad anticipare e rispondere proattivamente alle esigenze dei cittadini, identificando tendenze e modelli nei dati relativi alla domanda dei servizi e permettendo di allocare risorse in modo sempre più strategico ed efficace.

Non solo: gli assistenti virtuali e le chatbot possono fornire assistenza e risposte in tempo reale ai cittadini, eliminando barriere linguistiche e facilitando l’accesso e il supporto alle persone con disabilità, così da rendere i servizi pubblici sempre più inclusivi e accessibili a una gamma sempre più vasta di utenti.

Occorre però vigilare costantemente anche sulle preoccupazioni legate, ad esempio, all’introduzione di bias o discriminazioni negli algoritmi di intelligenza artificiale predittiva e generativa, assicurando che tutti i sistemi utilizzati rimangano equi e adottando un approccio equilibrato che consideri le implicazioni etiche e sociali e garantisca, di conseguenza, le adeguate strategie di tutela e salvaguardia dei diritti di tutti i soggetti coinvolti.

Intelligenza artificiale e trasparenza nella pubblica amministrazione

La trasparenza è un pilastro fondamentale della fiducia dei cittadini nella PA. L’intelligenza artificiale ha il potenziale per migliorare questa trasparenza, automatizzando la pubblicazione dei dati e facilitando l’analisi e la comprensione delle attività istituzionali. Allo stato attuale, la sfida prioritaria è garantire che i processi decisionali guidati dall’IA siano chiari, giusti e aperti al controllo e al feedback dei cittadini. Questo implica la necessità di una regolamentazione chiara e definita, nonché di un impegno concreto e strutturato in merito all’auditing dei sistemi utilizzati e alla piena comprensibilità delle decisioni automatizzate.

L’analisi dei dati in tempo reale, le piattaforme di accesso pubblico e le dashboard interattive sono solo alcuni esempi di possibili applicazioni in grado di fornire ai cittadini una visione più limpida e aggiornata possibile delle attività delle amministrazioni pubbliche, ad esempio attraverso la pubblicazione di report e statistiche accessibili in tempo reale.

Il punto-chiave è che ogni algoritmo utilizzato debba essere non solo efficace, ma anche giustificabile. La PA deve quindi impegnarsi a garantire che ogni decisione presa attraverso sistemi di IA sia accompagnata da una spiegazione comprensibile e da una tracciabilità completa, sia per evitare di alienare i cittadini da processi decisionali percepiti come opachi o troppo complessi che per alimentare un circolo virtuoso che aumenti la trasparenza e la responsabilità delle istituzioni stesse.

È fondamentale stabilire linee guida chiare e standard condivisi. Queste norme devono includere requisiti di documentazione, tracciabilità delle decisioni e possibilità di audit, con l’obiettivo di creare un framework che assicuri la trasparenza e la sicurezza nell’utilizzo dell’IA nelle amministrazioni pubbliche.

Sebbene alcuni algoritmi possano essere intrinsecamente complessi, è necessario sviluppare metodi e strumenti in grado di illustrare in termini chiari il loro funzionamento e le decisioni che essi producono, sia per garantire il rispetto dei diritti democratici che per consentire ai decision maker di interpretare e gestire correttamente gli output dei sistemi adottati.

Integrare l’IA nella pubblica amministrazione significa abbracciare una cultura di trasparenza e innovazione. Le istituzioni pubbliche devono assumersi l’impegno di confrontarsi e cooperare con esperti di etica, di software engineering e di rappresentanti dei cittadini per creare soluzioni che siano all’altezza degli standard richiesti. In tal senso, iniziative come la partecipazione pubblica alla valutazione delle tecnologie di IA e workshop formativi possono aiutare a costruire un ambiente collaborativo e trasparente.

L’integrazione dell’IA nei processi della PA ha il potenziale per rendere la governance più efficiente e responsabile. Tuttavia, questo potenziale può essere realizzato solo se accompagnato da un impegno costante verso la trasparenza e la comprensione, promuovendo una maggiore partecipazione civica sempre più crescente ed inclusiva.

L’IA come strumento per migliorare l’efficienza della PA

La pubblica amministrazione è costantemente sotto pressione per “fare di più con meno”. In questo scenario, l’intelligenza artificiale si rivela un alleato prezioso, in grado di attuare un utilizzo più intelligente delle risorse esistenti. Algoritmi di IA possono analizzare modelli di consumo e suggerire modalità e strategie per ridurre gli sprechi, migliorare la gestione delle risorse energetiche o distribuire in modo più efficace il personale in base alle effettive necessità, contenendo l’effort e, a tempo stesso, promuovendo una maggiore cultura di sostenibilità all’interno dei contesti istituzionali.

Non si tratta, però, di un percorso facile né immediato, bensì di una sfida significativa. Integrare l’IA nei sistemi e nei processi preesistenti della PA richiede infatti investimenti iniziali, adeguata formazione del personale e, soprattutto, un profondo e intrinseco cambiamento culturale. La transizione verso sistemi automatizzati deve essere gestita e calibrata con la massima cura, sia per evitare interruzioni dei servizi pubblici essenziali che per garantire che il personale sia adeguatamente preparato a lavorare a fianco dell’IA, anziché essere – o percepirsi – sostituito da quest’ultima.

L’intelligenza artificiale ha il potenziale per trasformare non solo l’operatività ma anche il processo decisionale nelle pubbliche amministrazioni. Grazie all’analisi predittiva, può fornire ai decisori insight preziosi su potenziali risultati delle politiche e delle pratiche attuate, contribuendo a formulare strategie basate su dati anziché su semplici intuizioni. Tuttavia, è fondamentale che algoritmi e tecnologie siano impiegati in modo etico e che le decisioni finali rimangano sempre in mano umana, nell’ottica della responsabilità condivisa e del pieno consenso democratico.

Le potenzialità di successo dell’intelligenza artificiale per migliorare l’efficientamento della pubblica amministrazione sono strettamente vincolate alla capacità delle istituzioni di adattarsi e di “innovare responsabilmente”. Solo con un impegno costante basato sui pilastri dell’educazione, dell’etica e dell’integrazione, l’IA può contribuire alla costruzione di una PA in grado non solo di funzionare meglio, ma anche di servire al meglio i propri cittadini.

Come l’IA sta cambiando il rapporto tra cittadini e istituzioni pubbliche

L’intelligenza artificiale non è solo innovazione tecnologica, ma anche protagonista di un nuovo dialogo civico, all’interno del quale le richieste e le esigenze dei cittadini possono essere elaborate e comprese con maggiore rapidità e precisione dalle pubbliche amministrazioni.

Per comprenderlo, basta constatare come – attraverso piattaforme digitali “alimentate” da IA – i cittadini possano ricevere risposte istantanee a domande comuni, presentare o richiedere documenti e persino ricevere consigli personalizzati su servizi e possibili benefici dedicati. Queste nuove modalità di interfaccia digitale, impensabili fino a poco tempo addietro, promettono di rendere l’interazione con la PA più fluida e meno frustrante, migliorando l’esperienza complessiva di ogni singolo utente.

Grazie all’IA, i servizi pubblici non sono più un’esperienza “taglia unica”, ma si concretizzano in un approccio taylor-made. Sistemi di apprendimento automatico analizzano le esigenze e le preferenze individuali, permettendo alla PA di adattare i propri servizi a diversi segmenti della popolazione. Che si tratti di suggerire programmi di formazione professionale basati sulle competenze individuali o di personalizzare le comunicazioni sulla salute pubblica, l’intelligenza artificiale sta consentendo alle istituzioni di avvicinarsi ai cittadini come mai prima d’ora.

L’IA, se correttamente utilizzata, è in grado di offrire gli strumenti per democratizzare al massimo l’accesso all’informazione, permettendo ai cittadini di essere più informati e coinvolti nelle decisioni che li riguardano. Dalle piattaforme di e-government che facilitano le consultazioni pubbliche ai sistemi che analizzano e sintetizzano i feedback dei cittadini, l’intelligenza artificiale sta concretamente ampliando il potenziale campo di azione della partecipazione pubblica.

La burocrazia può spesso essere un ostacolo tra i cittadini e i servizi di cui hanno bisogno. L’IA, con la sua capacità di gestire e processare rapidamente grandi volumi di dati, sta contribuendo a smussare queste barriere. Attraverso la semplificazione e l’automazione dei processi, la PA può ridurre significativamente i tempi di attesa e i colli di bottiglia, rendendo l’intero sistema più reattivo e soprattutto molto meno oneroso per i cittadini.

Come l’IA risolve problemi complessi nella pubblica amministrazione

L’implementazione dell’intelligenza artificiale nella pubblica amministrazione ha aperto uno sguardo su nuove frontiere nel risolvere problemi complessi che, tradizionalmente, sfidano le capacità umane.

Una delle maggiori criticità per la PA è la gestione efficiente delle risorse, sia economiche che umane. L’IA, con le sue capacità di analisi avanzata dei dati, può prevedere i bisogni futuri e ottimizzare l’allocazione delle risorse. Ad esempio, nella pianificazione urbana, può analizzare modelli di traffico e abitudini dei residenti per ottimizzare la manutenzione delle infrastrutture e ridurre i costi. In ambito sanitario, può prevedere i picchi di domanda di servizi sanitari, permettendo una migliore distribuzione del personale e delle attrezzature.

L’IA gioca inoltre un ruolo fondamentale nella previsione e gestione delle crisi. Utilizzando l’apprendimento automatico e l’analisi predittiva, i sistemi di intelligenza artificiale possono anticipare e identificare potenziali emergenze, da disastri naturali a crisi sanitarie. Questo permette alla pubblica amministrazione di prepararsi in modo proattivo, pianificando le risorse e informando i cittadini in modo tempestivo. Inoltre, l’IA può aiutare a gestire la risposta alle crisi, coordinando le operazioni di soccorso e analizzando in tempo reale i dati provenienti dal campo.

I sistemi di intelligenza artificiale offrono anche un notevole potenziale nell’ottimizzazione dei servizi pubblici. Per esempio, possono migliorare l’efficienza energetica degli edifici pubblici, analizzare i modelli di consumo di acqua per identificare perdite o inefficienze e ottimizzare la raccolta dei rifiuti. Queste applicazioni non solo rendono i servizi pubblici più efficienti e sostenibili, ma contribuiscono anche a una riduzione dei costi operativi.

L’IA permette una personalizzazione senza precedenti dei servizi. Attraverso l’analisi dei dati dei cittadini, i sistemi di intelligenza artificiale predittiva possono identificare esigenze specifiche e adattare le soluzioni di conseguenza. Questa possibilità non solo migliora l’esperienza utente, ma consente anche di identificare e colmare eventuali lacune, promuovendo l’innovazione e l’inclusività.

Come l’IA può migliorare la qualità dei servizi pubblici

L’impiego dell’intelligenza artificiale nei servizi pubblici apre un mondo di possibilità per migliorare la qualità e l’efficienza dei servizi offerti ai cittadini.

Infatti, uno dei maggiori vantaggi offerti dall’IA è proprio la sua capacità di personalizzare i servizi in base alle esigenze individuali. Utilizzando algoritmi di apprendimento automatico, la pubblica amministrazione può analizzare i dati degli utenti per offrire servizi su misura. Ad esempio, nel settore dell’istruzione, l’intelligenza artificiale può aiutare a creare percorsi di apprendimento personalizzati che tengano conto delle capacità e dei progressi di ogni studente. Analogamente, in ambito sanitario, l’analisi dei dati dei pazienti può portare a piani di cura personalizzati, migliorando così i risultati di terapie e trattamento e prevenendo il rischio sia di ricadute che di eventuali emergenze epidemiologiche, oltre a garantire un significativo abbattimento dei costi per la spesa pubblica sanitaria senza pregiudicare la qualità dei servizi di cura ma, anzi, riducendo significativamente i tempi di attesa.

L’intelligenza artificiale è in grado di automatizzare processi che tradizionalmente richiedono molto tempo, riducendo i tempi di attesa per i cittadini. Questo non solo migliora la user experience, ma permette anche al personale delle amministrazioni pubbliche di concentrarsi su compiti più complessi e strategici. Un esempio può essere trovato nei Centri per l’impiego, all’interno dei quali può accelerare il processo di abbinamento tra offerte di lavoro e candidati, basandosi su competenze e preferenze.

L’IA può rendere i servizi pubblici più accessibili, in particolare per le persone con disabilità o per coloro che vivono in aree remote. Inoltre, può aiutare a tradurre i servizi in varie lingue, anche in tempo reale, rendendo le informazioni più accessibili a una fascia di popolazione più ampia e diversificata.

L’IA al servizio della trasparenza e dell’accountability nella pubblica amministrazione  

L’intelligenza artificiale può essere un alleato fondamentale per aumentare la trasparenza e la responsabilità nella pubblica amministrazione. Fornendo ai cittadini strumenti per monitorare e comprendere le decisioni pubbliche, l’IA rinforza il principio di accountability, essenziale per una democrazia sana e funzionante. Attraverso piattaforme in grado di tracciare e rendere pubblici gli iter decisionali, i cittadini possono avere un ruolo più attivo nel controllo delle azioni del governo.

In un’epoca caratterizzata da una crescente domanda di trasparenza e responsabilità nella gestione pubblica, l’intelligenza artificiale emerge come uno strumento prezioso per soddisfare queste aspettative.

Infatti, l’IA ha la capacità unica di elaborare e analizzare enormi volumi di dati che altrimenti sarebbero inaccessibili o troppo complessi per essere interpretati efficacemente dagli umani. Questo permette di rivelare tendenze, modelli e anomalie che possono indicare aree di miglioramento o casi di mala gestione. Ad esempio, algoritmi di IA possono essere utilizzati per monitorare la spesa pubblica, identificare potenziali sprechi o frodi e garantire che le risorse siano utilizzate in modo efficiente ed equo.

Uno dei principali vantaggi dell’intelligenza artificiale nella PA è la possibilità di rendere i processi decisionali più trasparenti. I sistemi di IA possono essere programmati per documentare e rendere pubbliche le loro operazioni e decisioni. Ciò significa che i cittadini possono avere accesso a informazioni dettagliate sul funzionamento interno delle istituzioni pubbliche, aumentando così la fiducia e la comprensione dei processi istituzionali.

L’IA alleata nella lotta alla corruzione nella pubblica amministrazione

La corruzione è un nemico silenzioso che l’intelligenza artificiale può aiutare a combattere. Grazie alla sua capacità di analizzare e connettere dati, l’IA può rivelare schemi e comportamenti anomali, diventando così un prezioso alleato nella promozione di trasparenza e integrità, mettendo la tecnologia al servizio della trasparenza.

L’intelligenza artificiale ha il potenziale per rafforzare l’accountability nella pubblica amministrazione, migliorando la capacità di controllo e di rendicontazione delle attività istituzionali, con un approccio proattivo nella prevenzione di atti illeciti. Analizzando flussi di dati in tempo reale, è possibile identificare e intervenire su possibili irregolarità prima che si concretizzino in atti corruttivi. A questo proposito, e data la delicatezza della materia, le direttive europee sull’IA sottolineano l’importanza di sistemi trasparenti e verificabili, che possano garantire processi decisionali chiari, equi e giusti.

La lotta alla corruzione beneficia in modo significativo dall’impiego dell’intelligenza artificiale, che può rilevare schemi di comportamento sospetti e identificare anomalie nei dati pubblici che possono essere segnali indicativi di corruzione. Utilizzando sistemi di IA per il controllo incrociato delle informazioni, le amministrazioni possono prevenire atti illeciti prima che avvengano, promuovendo un ambiente più integro e giusto.

Conclusioni

Come evidenziato in apertura, in questo contributo ci siamo concentrati principalmente sulle potenzialità dell’IA per il settore pubblico, consapevoli che questa strada debba essere percorsa con consapevolezza e impegno, bilanciando l’innovazione tecnologica e il rispetto dei principi etici e dei diritti dei cittadini, verso un futuro in  cui le pubbliche amministrazioni possano realmente trasformarsi in Enti più efficienti, reattivi e vicini alle esigenze dei cittadini e in cui la tecnologia e l’umanità procedano di pari passo verso un benessere collettivo.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Su questo argomento

FORUM PA PLAY: le nuove frontiere del dato nell’era dei social e dell’AI