L’EU Digital Covid Certificate per la ripartenza del paese

Home PA Digitale L’EU Digital Covid Certificate per la ripartenza del paese

La Certificazione verde COVID-19, del Ministero della Salute, è tra le iniziative finaliste al Premio Agenda Digitale 2021, nella categoria Agende Digitali Regionali, promosso dall’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano

4 Novembre 2022

F

Redazione FPA

Photo by sentidos humanos on Unsplash - https://unsplash.com/photos/IPe4SIIKuno

L’applicabilità del green pass ha consentito al Governo di modulare le riaperture e la ripartenza delle attività produttive a seguito della grande crisi pandemica. L’EU Digital Covid Certificate, il documento digitale valido per agevolare la libera circolazione in sicurezza dei cittadini nei paesi dell’Unione Europea, frutto del lavoro congiunto di Ministero della Salute, Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale, in coordinamento con la Struttura Commissariale per l’emergenza Covid-19 e con il supporto di Sogei, è finalista del Premio Agenda Digitale 2021 dell’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano.

La Certificazione in formato digitale, emessa dalla Piattaforma nazionale DGC (Digital Covid Certificate) del Ministero della Salute, contiene un QR Code per verificarne autenticità e validità ed è integrata con più sistemi digitali (App IO, SPID, APP IMMUNI, portale con Tessera Sanitaria); la gestione multicanale ha consentito, tra l’altro, un’adozione massiccia ed un buon livello di integrazione tra i sistemi informativi di pubbliche amministrazioni ed imprese.

Descrizione 

La piattaforma nazionale è stata realizzata in 45 giorni e ha generato oltre 119 milioni di certificazioni verdi, con un tasso di recupero da parte dei cittadini superiore al 100%. Con l’intento di colmare il digital divide – territoriale, di genere e generazionale – presente nella popolazione italiana sono stati coinvolti medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e farmacisti che hanno accesso al sistema Tessera Sanitaria per il rilascio del Certificato Verde.

Criticità

Il progetto nato in vista dell’entrata in vigore, dal 1 luglio 2021, del Regolamento (UE) 2021/953 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 giugno 2021 su “un quadro per il rilascio, la verifica e l’accettazione di certificati interoperabili di vaccinazione, di test e di guarigione in relazione alla COVID-19 (certificato COVID digitale dell’UE)”, ha poi visto una anticipazione dell’adozione della Certificazione verde da parte del governo italiano, con il decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52. Il Governo italiano ha scelto di utilizzare più a fondo lo strumento green pass estendendo progressivamente l’obbligo per diverse attività, dal 6 agosto 2021 per l’accesso a ristoranti, luoghi si aggregazione, ecc, poi dal 1 settembre al mondo della scuola ed ai trasporti a media e lunga percorrenza, infine dal 15 ottobre a tutti i lavoratori pubblici e privati, per aumentare l’adesione volontaria alla campagna di vaccinazione. Questo ha comportato continue revisioni della Piattaforma per essere in linea con le norme e con le relative circolari del Ministero della salute. Molte le interlocuzioni con il Garante per la protezione dei dati personali.

Le informazioni contenute in questo articolo sono state redatte sulla base dei materiali ufficiali di progetto utilizzati per la candidatura al Premio Agenda Digitale 2021

Su questo argomento

Piattaforma nazionale per la verifica massiva del Green Pass nella scuola