Opere pubbliche, la visione “smart” si fa sistema con la piattaforma del Mit

Home PA Digitale Opere pubbliche, la visione “smart” si fa sistema con la piattaforma del Mit

Il progetto, attualmente in fase di start-up, ha l’obiettivo di avviare la trasformazione digitale delle infrastrutture e della mobilità e individuare – secondo un percorso condiviso con i principali stakeholder – una visione nazionale che definisca standard funzionali e di servizio

21 Marzo 2016

M

Mario Nobile, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

“Essere connessi”, il resto non conta. Siamo alla spasmodica ricerca di reti wi-fi negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie, senza parlare dei servizi di mobilità; l’ambiente con il quale interagiamo fornisce informazioni e riceve i nostri dati, il più delle volte senza la nostra piena consapevolezza.

Da queste semplici considerazioni, dalla forte volontà di mettere al centro l’esperienza di trasporto degli utenti e dalla necessità che la vecchia Europa cominci a dare segnali più marcati nel mercato dei servizi ICT, magari in vista dell’imminente avvio della piattaforma Galileo, è nato ‘ smart infrastructures’ del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Senza contare il valore notevole degli investimenti annuali in infrastrutture, pari a diversi miliardi di euro.

Il costo della tecnologia all’interno di un’opera come un viadotto è incredibilmente e marginalmente basso rispetto ai costi globali dell’infrastruttura. Ma non è questione di sistemare qualche sensore o qualche stendere metro di fibra ottica; serve un approccio sistemico, che stabilisca gli standard funzionali e che abbandoni la classica autoreferenzialità pubblica per aprire un serrato confronto con gli operatori (di servizi, di telecomunicazioni, di settore) per realizzare una vera piattaforma abilitante ai servizi.

Di trasparenza e buona gestione, visto che la tecnologia consente di accompagnare la progettazione, la realizzazione e la gestione nel tempo dell’opera. Superiamo i viadotti crollati, i costi crescenti di costruzione, i collaudi senza tecnologia per raggiungere poi gli opendata sullo stato di salute delle infrastrutture e delle strutture quali scuole, dighe, ecc.

Di migliore utilizzo delle infrastrutture. Oggi con la tecnologia le carreggiate autostradali si stringono e si allargano con segnali luminosi (freccia verde e “x” rossa), i treni possono viaggiare a maggiore velocità, gli aeroporti e le stazioni marittime possono aumentare la loro capacità. L’infrastruttura deve essere adattabile a diversi eventi, deve aumentare la sua resilienza. Deve poter resistere ai mutamenti causati da eventi naturali, scioperi, manifestazioni.

Di migliore esperienza degli utenti. Vogliamo dare e ricevere informazioni in auto, in treno, in aeroporto, in traghetto. Vogliamo ricevere informazioni sul nostro bagaglio all’arrivo in aeroporto, informarci e operare scelte sulla prosecuzione del nostro viaggio verso il centro della città. Aprirci alla sharing economy condividendo l’auto o il viaggio.

Il rilancio del settore delle infrastrutture e dei trasporti, attraverso la digital transformation , rappresenta un fattore abilitante della crescita sostenibile, intelligente ed inclusiva del Paese, in grado di creare infrastrutture nuove e leggere, di qualità, più sicure, più economiche, meglio utilizzate e fruite, che generino dati e servizi per una migliore esperienza del viaggio per i cittadini e una più efficiente logistica per le merci.

Il progetto, promosso dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e attualmente in fase di start-up, ha l’obiettivo di avviare e guidare la nuova stagione della trasformazione digitale delle infrastrutture e della mobilità e individuare – secondo un percorso condiviso con i principali stakeholder – una visione nazionale che definisca standard funzionali e di servizio di riferimento, raccogliendo così la sfida dell’innovazione a beneficio di cittadini e imprese contribuendo anche all’espansione del mercato e in generale dell’economia del Paese.

Gli interlocutori istituzionali sono ANAS, Ferrovie, ENAC, Concessionarie autostradali, Autorità portuali. Ovvero tutti i soggetti concessionari di servizi dello Stato, ovvero pubblici, di tutti.

Gli obiettivi indicati dal Ministro Delrio sono semplici ed efficaci: spendere meglio i soldi investiti in infrastrutture, sostenere un nuovo fermento culturale ed economico sui servizi di trasporto, aumentare la qualità dell’esperienza di mobilità degli utenti. La sfida è lanciata.