PEC: gli ispettori di Funzione Pubblica a caccia dei ministeri inadempienti

Home PA Digitale PEC: gli ispettori di Funzione Pubblica a caccia dei ministeri inadempienti

Sono 6.012 le PEC che finora le Amministrazioni centrali dello Stato hanno pubblicato nei propri siti istituzionali così come nell’indice delle pubbliche amministrazioni. A pochi giorni dal PEC-Day del 26 aprile (quando 50 milioni di cittadini italiani avranno la possibilità di dotarsi di una propria casella di Posta elettronica certificata) numerose altre Amministrazioni centrali non hanno invece ancora ottemperato agli obblighi di legge.

20 Aprile 2010

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Sono 6.012 le PEC che finora le Amministrazioni centrali dello Stato hanno pubblicato nei propri siti istituzionali così come nell’indice delle pubbliche amministrazioni. A pochi giorni dal PEC-Day del 26 aprile (quando 50 milioni di cittadini italiani avranno la possibilità di dotarsi di una propria casella di Posta elettronica certificata) numerose altre Amministrazioni centrali non hanno invece ancora ottemperato agli obblighi di legge. Su preciso mandato del Ministro Renato Brunetta, nei loro confronti si sta quindi attivando l’Ispettorato della Funzione Pubblica. Si ricorda tra l’altro che la Riforma Brunetta (D.Lgs n.150/2009) prevede che il mancato assolvimento degli obblighi relativi alla PEC influisca negativamente ai fini della valutazione della performance individuale e organizzativa per la corresponsione della retribuzione di risultato ai dirigenti degli uffici preposti.

I cattivi esempi arrivano dalle seguenti 24 Amministrazioni: Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, Ministero dello Sviluppo economico, Ministero del Commercio internazionale, Ministero delle Politiche agricole e forestali, Ministero delle Comunicazioni, Corte dei Conti, Consiglio di Stato, Amministrazione autonoma dei Monopoli dello Stato, Comando generale della Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato, Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Dogane, Inpdap, Istituto di previdenza del settore marittimo, Istituto nazionale di economia agraria, Istituto di studi per l’analisi economica, Istituto nazionale per il commercio estero, Istituto per gli affari sociali, Istituto nazionale per le conserve alimentari, Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori, Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro, Istituto superiore di sanità, ISTAT e Unire.

Sono invece 27 le Amministrazioni centrali dello Stato che risultano in regola con gli obblighi di legge: Ministero della Giustizia (357 PEC), Ministero dell’Interno (68), Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (4), Ministero dell’Economia e Finanze (117), Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (21), Presidenza del Consiglio dei Ministri (41), Ministero degli Affari esteri (240), Ministero per i Beni e le Attività culturali (45), Avvocatura generale dello Stato (25), Ministero della Salute (48), Ministero della Difesa (111), Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio (11), Agenzia del territorio (6), Arma dei Carabinieri (3.911), Scuola superiore della Pubblica Amministrazione (6), INPS (559), INAIL (272), Ente nazionale previdenza assistenza lavoratori dello spettacolo (45), Agenzia per le erogazioni in agricoltura (28), ASI (32), Automobile club d’Italia (107), CNR (1), ENAC (43), Croce Rossa Italiana (1), ENIT (1), Istituto dei postelegrafonici (1) e DigtPA (1).

FONTE: Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione