Servizi digitali: nei Comuni di ICity Club 2022, un questionario per capire cosa pensano i cittadini

Home PA Digitale Servizi Digitali Servizi digitali: nei Comuni di ICity Club 2022, un questionario per capire cosa pensano i cittadini

I servizi digitali acquistano valore solo se vengono effettivamente utilizzati. Per comprendere cosa pensano gli utenti e quali siano punti di forza e limiti dei servizi digitali urbani, FPA ha messo a punto un questionario da sottoporre ai cittadini dei Comuni che partecipano alla seconda edizione di ICity Club – l’Osservatorio della trasformazione digitale urbana. Un’iniziativa concreta per la creazione di valore comune: lavorare insieme con l’obiettivo di migliorarsi continuamente

23 Febbraio 2022

C

Francesca Carboni

FPA, redattrice progetto ICity Club

Photo by Samantha Borges on Unsplash - https://unsplash.com/photos/EeS69TTPQ18

Mai come negli ultimi due anni è emersa l’importanza di servizi digitali efficienti e prestanti, la loro centralità era nota anche prima della pandemia, ma con l’avvento dell’emergenza hanno dimostrato di essere fondamentali per garantire la continuità dei servizi pubblici e il dialogo con cittadini e imprese, in un momento particolarmente difficile. In Italia la domanda di servizi pubblici è cresciuta molto: nel 2021 sono state attivate quasi 12 milioni di nuove identità digitali SPID, per un totale di 27,4 milioni di utenze rilasciate; sono cresciute le transazioni effettuate tramite pagoPA (quasi 182 milioni le transazioni registrate nell’anno, in crescita dell’80% sul 2020); nel 2021 l’App IO è stata scaricata 15,3 milioni di volte con un incremento del 67% rispetto al 2020 (9,2 mln), il totale di download è pari a 24,5 milioni. Nonostante ciò, nell’indice DESI 2021 l’Italia si posiziona al 24° posto su 27 nell’indice europeo per utenti di e-government, un risultato che mette in luce la necessita di un continuo miglioramento e adattamento dei servizi digitali alle modalità di governo del territorio. 

Le amministrazioni locali sono state quelle che più hanno dovuto riadattare il loro rapporto con i cittadini, pur non avendo, in molti casi, la preparazione e gli strumenti adatti. Ci sono stati molti casi virtuosi di amministrazioni che hanno migliorato i propri servizi pubblici, accorciando quanto più possibile la distanza con i cittadini e snellendo le procedure burocratiche. L’efficienza dei servizi digitali pubblici, però, può essere misurata veramente solo in base al loro effettivo utilizzo da parte di cittadini e imprese. Per questo motivo, nell’ambito del progetto ICity Club – l’Osservatorio della Trasformazione digitale urbana, FPA ha dato vita a uno strumento di engagement civico per le amministrazioni che hanno aderito al progetto: un questionario sui servizi digitali. 

Già nell’edizione 2021, ICity Club è stato un laboratorio di tools per la sua community di innovatori urbani e proprio grazie agli spunti che sono arrivati dai territori e alla co-progettazione tra questi e FPA è stato messo a punto per le città che sono parte di ICity Club 2022 questo questionario da sottoporre ai cittadini, finalizzato ad indagare la loro esperienza nella fruizione dei servizi digitali rilasciati dal Comune. L’obiettivo del questionario rientra perfettamente nei principi di ICity Club: lavorare insieme, per creare valore comune e per avviare politiche di innovazione che rispondano ad esigenze concrete e realmente sentite dagli utenti. Il questionario si propone come uno strumento utile per conoscere che cosa pensano i cittadini dei servizi digitali che utilizzano, ma anche per indagare le prassi di accesso (quante volte si accede a servizi on line, quali servizi sono maggiormente utilizzati), i punti di forza e i limiti dei servizi digitali offerti.  

“L’esperienza del questionario mette in luce il valore di lavorare insieme; è una delle prime iniziative concrete per la creazione di valore comune, con l’obiettivo di generare informazioni che vadano oltre l’esperienza virtuosa della singola città. Partecipare insieme a questa indagine può essere veramente il modo per capire quali sono le politiche e le azioni per migliorare”, ha commentato Gianni Dominici, Direttore generale di FPA. 

Il questionario è già stato inviato alle città aderenti ad ICity Club 2022, che in questi giorni stanno procedendo all’attivazione sui propri siti istituzionali, e rimarrà attivo sui diversi portali per 8 settimane consecutive. Al termine del periodo previsto, sarà cura di FPA analizzare i dati raccolti, in modo da procedere ad un’azione condivisa con tutti i comuni di ICity Club, per lavorare insieme e dare vita a continue innovazioni.

L’Osservatorio della trasformazione digitale urbana di FPA quest’anno vede la presenza di 9 comuni capoluogo e di ben 12 città metropolitane, grazie alla collaborazione con il Pon Metro. Scopri di più su ICity Club 

Su questo argomento

Riccardo Castrignanò a FORUM PA 2022: “Per digitalizzare i servizi comunali siamo partiti dalle esigenze del cittadino”