Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

“Verso Italia Login: il cassetto digitale dell’imprenditore” di InfoCamere

Home PA Digitale “Verso Italia Login: il cassetto digitale dell’imprenditore” di InfoCamere

Il progetto è stato selezionato tra i finalisti del premio Agenda Digitale 2017, promosso dall’Osservatorio Agenda Digitale del Politecnico di Milano, come uno dei dieci servizi che sostengono la cultura dell’innovazione digitale nel nostro Paese

19 Marzo 2018

R

redazione

“Verso Italia Login” è l’iniziativa avviata nel 2016 da InfoCamere, nata per porre in primo piano il ruolo del sistema camerale nel percorso di trasformazione digitale del Paese, in linea con quanto indicato nel Piano Triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione 2017–2019.
Il Piano Triennale, realizzato da AgID e dal Team per la Trasformazione Digitale, ridisegna le modalità con le quali le amministrazioni pubbliche erogano i servizi online e comunicano con i cittadini e le imprese. In quest’ottica si inserisce la piattaforma digitale “Impresa.italia.it”, pensata e progettata da InfoCamere per il cittadino imprenditore.

Portare in primo piano il contributo operativo del Sistema Camerale, quale soggetto aggregatore per l’erogazione di servizi digitali sul territorio, significa:
  • affermare la centralità del Registro delle Imprese e delle banche dati camerali, quale complemento di analoghe iniziative del sistema Paese come, ad esempio, la nuova Anagrafe unica della popolazione residente (ANPR);
  • realizzare ed integrare servizi di facile fruizione in una piattaforma progettata secondo il paradigma “mobile first”, che segua le linee guida governative;
  • partecipare alla sfida del cambiamento del rapporto tra il cittadino imprenditore e le amministrazioni, titolari di informazioni ufficiali correlate all’attività di business.

Descrizione della soluzione e delle principali funzionalità implementate
La progettazione dell’interfaccia grafica dell’applicazione segue le regole della user experience, consentendo una veloce ed immediata fruizione dei servizi telematici della PA.
“Impresa.italia.it” è accessibile attraverso le infrastrutture nazionali di identità digitale come SPID e CNS.
Visure, atti, bilanci, documenti ufficiali presentati presso gli Sportelli Unici delle Attività Produttive e gestiti dalle Camere di Commercio, sono ora accessibili sempre e ovunque attraverso una piattaforma a portata di touch (smartphone, tablet, PC).
La soluzione prevede integrazioni con altri servizi erogati dal sistema camerale, come la consultazione del proprio fascicolo informatico d’impresa e la situazione delle pratiche presentate ai SUAP gestiti in collaborazione con le Camere di commercio.

Rilevanza e replicabilità della soluzione
“Impresa.italia.it” è predisposta by-design per estendere ad altre pubbliche amministrazioni la possibilità di erogare servizi in ottica “mobile first” ed è estensibile ad ulteriori aree informative o di servizio attraverso la collaborazione con altre amministrazioni centrali e locali.

Riconoscimenti pubblici
La proposizione del nuovo servizio impresa.italia.it è stata accompagnata dall’evento di lancio nazionale, tenutosi a Milano lo il 13 luglio 2017, alla presenza del Ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda, che ha definito in questo modo l’iniziativa: “Il cassetto digitale dell’imprenditore è una di quelle piccole rivoluzioni capaci di ricostruire la fiducia nella pubblica amministrazione. È un esempio di come deve funzionare il rapporto tra impresa e PA in un contesto Industria 4.0”.
“Impresa.italia.it” è stato selezionato come finalista per il premio Agenda Digitale 2017 come uno dei dieci servizi che sostengono la cultura dell’innovazione digitale nel nostro Paese.

Su questo argomento

Due ruoli attivi nella governance digitale per un boost decisivo verso la definitiva valorizzazione del patrimonio dei dati pubblici