La trasparenza opaca della PA

Home Open Government Partecipazione e Trasparenza La trasparenza opaca della PA

E’ di qualche giorno fa la pubblicazione sul sito del Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione dei dati sui costi delle consulenze e delle collaborazioni esterne nella PA.
Premesso che la trasparenza è un valore fondante di qualsiasi azione che riguardi l’amministrazione della cosa pubblica e che, quindi, l’iniziativa è sicuramente un segnale da apprezzare, ci fanno riflettere le considerazioni emerse in un editoriale di Carlo Mochi Sismondi e in un commento di Gaudenzio Garavini sulla capacità dei numeri "nudi" di esprimere senso.

17 Giugno 2008

Articolo FPA

E’ di qualche giorno fa la pubblicazione sul sito del Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione dei dati sui costi delle consulenze e delle collaborazioni esterne nella PA.
Premesso che la trasparenza è un valore fondante di qualsiasi azione che riguardi l’amministrazione della cosa pubblica e che, quindi, l’iniziativa è sicuramente un segnale da apprezzare, ci fanno riflettere le considerazioni emerse in un editoriale di Carlo Mochi Sismondi e in un commento di Gaudenzio Garavini sulla capacità dei numeri "nudi" di esprimere senso.
Per quanto questi numeri possano essere significativi per chi su di essi lavora, diversa è la situazione di chi legge il dato senza una chiave di lettura adeguata, tanto più se questo è presentato in maniera sintetica e aggregata. Consapevoli del fatto che ogni iniziativa è migliorabile, ci sembra interessante il lavoro che l’Emilia Romagna sta portando avanti per rendere pubblici, attraverso il sito internet, non solo i dati di spesa, ma gli obiettivi di ogni settore dell’amministrazione e le rispettive responsabilità.