Codice degli appalti e Covid-19: dopo l’emergenza fondamentale responsabilizzare i dirigenti

Home Riforma PA Procurement Pubblico Codice degli appalti e Covid-19: dopo l’emergenza fondamentale responsabilizzare i dirigenti

Questa emergenza ci sta insegnando che superata la crisi dovremo agire con più velocità e responsabilità, senza dimenticare la legalità. L’intervista di Gianni Dominici a Mario Nobile, Direttore Generale per i Sistemi Informativi e Statistici Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

16 Aprile 2020

F

Redazione FPA

Tra i tanti temi che risultano decisivi in questo momento c’è quello che riguarda gli appalti pubblici. Attualmente, infatti, non c’è tempo per rivedere norme e legislazione, ma dopo l’emergenza causata dal diffondersi del Covid-19 sarà di fondamentale importanza accelerare il passo, responsabilizzando i dirigenti pubblici, in modo da recuperare nel modo migliore e uscire più forti di prima da questa crisi mondiale.

Questo uno dei temi dell’intervista di Gianni Dominici a Mario Nobile, Direttore Generale per i Sistemi Informativi e Statistici Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Un’anticipazione di argomenti che verranno approfonditi a FORUM PA 2020 che, quest’anno, si terrà in due momenti: dal 6 all’11 luglio online e dal 4 al 6 novembre on site, in presenza. Questa intervista si inserisce nel percorso di avvicinamento alla manifestazione #road2forumpa2020, che ci mostra esempi di resilienza di PA, e non solo, in questo momento così difficile.

L’intervista

Lo smart working. Il MIT, in questo periodo, è passato da 50 persone in telelavoro a 7mila che operano in Smart Working: “Dal punto di vista delle attività che si devono fare soprattutto in momenti come questo, devo dire che abbiamo accelerato alcune operazioni di change management e di formazione” afferma Mario Nobile.

Il governo del digitale. Nobile pone l’attenzione anche sulla gestione del digitale: “Il digitale deve essere governato, guardando i processi a 360 gradi. Facciamo un esempio: se si sta navigando in mare e all’improvviso viene a mancare il segnale GPS, ci si ferma, o comunque si va avanti in maniera casuale, con un’alta probabilità di creare danni”.

Il Codice degli appalti. Secondo Nobile “sta emergendo la necessità di ridurre il sistema complesso che si è creato attorno al Codice, responsabilizzando maggiormente i dirigenti. Da un lato più tutele rispetto ai rischi che possono essere attivati in relazione alla gestione degli appalti; dall’altro un ripensamento del sistema dei controlli”.

La governance dei dati. “Dobbiamo aumentare la consapevolezza da parte dei privati che l’ecosistema dei dati è unico e che condividere è essenziale non solo per motivi di trasparenza, ma anche per agevolare il business. Così si raggiungono tutti gli obiettivi”, con questo spunto Mario Nobile chiude l’intervista, una riflessione centrale in ottica di rilancio del Paese dopo l’attuale emergenza e crisi legata al Covid-19.

Su questo argomento

Emergenza Coronavirus: si può derogare alle norme in materia di affidamenti pubblici?