Valorizzare le persone e accompagnare le amministrazioni: Alberto Bonisoli illustra i punti cardine del nuovo Formez PA

Home Riforma PA Valorizzare le persone e accompagnare le amministrazioni: Alberto Bonisoli illustra i punti cardine del nuovo Formez PA

Qual è il nuovo ruolo di Formez Pa nel sostenere il percorso di innovazione delle pubbliche amministrazioni? Dalla formazione dei dipendenti pubblici, alla sperimentazione di nuove modalità di concorso, al rilancio di Linea Amica, ne parliamo con Alberto Bonisoli, Presidente di Formez PA, in questa intervista in avvicinamento a FORUM PA 2022

9 Giugno 2022

F

Redazione FPA

“Con il DL 80, con un chiaro mandato politico del Ministro Brunetta, è stato reinterpretato il ruolo di Formez PA, come una cinghia di trasmissione diretta tra le politiche che vengono portate avanti dal Governo e la necessità che queste diventino concretezza. Lo stiamo facendo in vari settori ad esempio all’interno di tutta la macchina che sta rendendo possibile l’attuazione del PNRR”, ha presentato così Formez PA il suo Presidente Alberto Bonisoli intervistato da Carlo Mochi Sismondi, in attesa di poterlo ascoltare a FORUM PA 2022 il 14 giugno dalle 12:00 alle 13:30 in diretta dalla sala bianca dello Studio FPA per parlare insieme di “A” come accesso: assumere bene per rigenerare la PA”. Formez PA si occuperà naturalmente di una parte importante della formazione dei dipendenti pubblici: l’obiettivo è accompagnarli ad acquisire “le competenze, le conoscenze e le informazioni e le prassi per gestire al meglio questa occasione per il nostro Paese.

“C’è stato un cambio di passo importante – spiega Bonisoli – con la riapertura dei concorsi fatta dalla Ministra Buongiorno, che poi è passato attraverso la responsabilità della Ministra Dadone arrivando ad un punto di svolta importante che è stato il DL 44 del Ministro Brunetta, con la possibilità di riaprire i concorsi dopo lo stop pandemico. Negli ultimi 12 mesi abbiamo fatto lo stesso numero di concorsi e di volume che abbiamo fatto nei dieci anni precedenti, smaltendo una coda in maniera molto ritmata e lavorando con amministrazioni che stanno aspettando da anni di poter avere le persone per poter funzionare al meglio. Il Formez PA ha fatto da apripista e, da quando si sono riaperti i concorsi dal 3 maggio del 2021, in un modo completamente diverso: tutto digitale, la carta del tutto sparita, in più location in contemporanea sul territorio nazionale , superando la centralizzazione che per anni c’è stata su Roma”.

Secondo Bonisoli il PNRR è una leva importante per la semplificazione amministrativa e sta avvenendo con “l’introduzione di nuove tecnologie, usando molto meno carta e molto più strumentazioni di natura digitale. Chi non è un nativo digitale fa più fatica, non va lasciato da solo, ma aiutato a entrare a pieno titolo nei flussi operativi della PA in cui lavora”.

Altro tema importante è l’accompagnamento delle pubbliche amministrazioni. E in questo centrale è il rilancio di Linea Amica. Per usare le parole di Mochi Sismondi, se la nascita della prima Linea Amica era legata al concetto di “siamo capaci di rispondere subito ai cittadini”, la Linea Amica 2.0 è ancorata al tema di “rispondere subito alle amministrazioni che ne hanno bisogno”. “Le PA fanno del loro meglio per dare informazioni ai cittadini – sottolinea Bonisoli – ma a loro volta hanno necessità di ricevere un flusso di informazioni mirato, puntuale, tempestivo e dedicato a una particolare tematica e negli ultimi anni questo non è stato così frequente. Ci sono importanti innovazioni da questo punto di vista, come la newsletter che curiamo insieme al Dipartimento. Oggi la priorità è sviluppare una capacità di ascolto per tutte le amministrazioni che ricevono uno stimolo all’innovazione, ma non hanno immaginato ancora come rispondere. E questo è il ruolo di Linea Amica 2.0, dove usiamo una serie di strumenti che il digitale mette a disposizione, come le chat bot. E su questo stiamo puntando molto”.

Su questo argomento

Linea Amica Digitale: in partenza LADidattica, il corso online su Comunicazione, PNRR e Open Data