Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Atlante Statistico dei Comuni: ecco dove trovare tutte le informazioni sui territori italiani

Home Città e Territori Atlante Statistico dei Comuni: ecco dove trovare tutte le informazioni sui territori italiani

L’informazione statistica territoriale è indispensabile per gli amministratori che devono fare programmazione. Istat ha appena messo online la quarta edizione dell’Atlante Statistico dei Comuni. Scopriamo quali sono le principali novità

12 Marzo 2019

S

Michela Stentella

Content Manager FPA

Photo by Lucas Sankey on Unsplash - https://unsplash.com/photos/S7-KGCezLvA

L’informazione statistica territoriale è indispensabile per gli amministratori che devono fare programmazione. I dati ufficiali sono ormai molto disponibili, messi a disposizione dai diversi enti del Sistema Statistico Nazionale, ma non sono sempre di immediata fruizione, non è sempre facile capire dove trovarli e come aggregarli. Ecco perché Istat ha appena messo online la quarta edizione dell’Atlante Statistico dei Comuni, completamente rinnovato non solo dal punto di vista grafico, ma anche tecnologico. Abbiamo chiesto a Sandro Cruciani, Direttore della Direzione centrale per le statistiche ambientali e territoriali dell’Istat, quali sono le principali novità per gli utenti.

Aggiornamento continuo e immediatamente disponibile

“La vera novità – sottolinea Cruciani – è che l’Atlante è ora su una piattaforma web, mentre le precedenti edizioni prevedevano un’installazione in locale e, quindi, una capacità di aggiornamento e funzionalità molto più ridotte e occasionali. Passando alla piattaforma online gli aggiornamenti saranno continui, non ci sarà più bisogno di aspettare release di software, né tantomeno il rilascio di nuovi dati. Appena il dato comunale sarà pubblicato, l’utente lo avrà subito a disposizione: basterà collegarsi al sito e verificare nell’area della home page in cui vengono segnalate le ultime novità”.

Partizioni territoriali per aggregare i dati

“Come avveniva già nella precedente versione dell’Atlante, è possibile aggregare in maniera semplice e intuitiva i dati comunali secondo diverse partizioni preimpostate – precisa Cruciani – ad esempio geografie territoriali, funzionali, sistemi locali, distretti industriali oppure aggregazioni dei Comuni secondo caratteristiche morfologiche, ad esempio zone altimetriche, grado di urbanizzazione, comuni litoranei e così via. Ora sarà possibile arricchire continuamente e in maniera immediata lo strumento con nuove partizioni, per esempio ci è stato già chiesto di inserire come partizione utile i bacini idrografici, per poter accedere non solo ai dati sull’utilizzo delle risorse idriche ma anche a tutti quei dati che riguardano l’economia, la società, la demografia”.

Ricerca personalizzata con la funzione cartografica

“Oltre alle partizioni preimpostate – aggiunge Cruciani – l’utente può selezionare cartograficamente un’area o i Comuni di interesse e costruirsi delle partizioni ad hoc, impostando dei sottoinsiemi che non sono di tipo amministrativo. Insomma, ognuno può creare e salvare le proprie partizioni per effettuare ricerche e analisi personalizzate”.

“L’Atlante – conclude Cruciani – già nella precedente versione era tra le pagine più consultate sul sito dell’Istat. I dati comunali, che forniscono un livello granulare di informazione statistica, sono molto richiesti per la programmazione locale comunale, ad esempio per la redazione del Documento Unico di Programmazione (DUP) dove è prevista una sezione dedicata al contesto socioeconomico; quindi l’Atlante costituisce uno strumento molto utile a disposizione degli amministratori.

L’Atlante rappresenta quindi un unico contenitore, un punto unico di accesso a tutto il patrimonio informativo della statistica ufficiale a livello comunale. Si possono scaricare tabelle in csv o excel e sono scaricabili anche i file geografici, si tratta quindi di un prodotto aperto nella logica degli open data. Al momento i dati sono organizzati in 15 aree tematiche, a loro volta articolate in 40 sotto-aree; complessivamente abbiamo a disposizione circa 400 variabili statistiche a livello comunale. Contiamo di rilasciare prima dell’estate nuove funzionalità di consultazione e contestualmente procedere con un piano di sviluppo continuo dal punto di vista dell’aggiornamento dei dati”.

L’Atlante Statistico dei Comuni è uno dei prodotti previsti dalla Convenzione stipulata tra l’Istat e l’Autorità di Gestione del PON “Governance e Capacità istituzionale 2014-2020”, relativa all’attuazione del Progetto Informazione statistica territoriale e settoriale per le politiche di coesione 2014-2020, che vede nel ruolo di soggetti proponenti l’Istat, il Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’Agenzia per la Coesione Territoriale.

Su questo argomento

Tutti i segreti per comunicare sui social: ecco la formazione per chi lavora con la PA