Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Benjamin Barber: “I Sindaci dovrebbero governare il mondo”

Home Città e Territori Benjamin Barber: “I Sindaci dovrebbero governare il mondo”

Viviamo in un mondo di interdipendenze; un mondo trasnazionale in cui anche i grandi problemi e le sfide sono ormai interdipendenti tra le nazioni. Cerchiamo risposte e soluzioni nella politica e nelle istituzioni, ma la democrazia è in crisi: è affidata a Stati-nazione creati più di 400 anni fa, che rivendiano ognuno la propria capacità di soluzione. Siamo davvero certi che queste forme democratiche siano in grado di risolvere i problemi moderni?  Il teorico politico Benjamin Barber rileva un’assimetria tra le sfide trasnazionali moderne e le forme di governo che definisce arcaiche. Forse dovremmo smetterla di parlare di Nazioni e Stati e cominciare a parlare di città.

28 Gennaio 2014

R

Redazione FORUM PA

Articolo FPA

Viviamo in un mondo di interdipendenze; un mondo trasnazionale in cui anche i grandi problemi e le sfide sono ormai interdipendenti tra le nazioni. Cerchiamo risposte e soluzioni nella politica e nelle istituzioni, ma la democrazia è in crisi: è affidata a Stati-nazione creati più di 400 anni fa, che rivendiano ognuno la propria capacità di soluzione. Siamo davvero certi che queste forme democratiche siano in grado di risolvere i problemi moderni?  Il teorico politico Benjamin Barber rileva un’assimetria tra le sfide trasnazionali moderne e le forme di governo che definisce arcaiche. Forse dovremmo smetterla di parlare di Nazioni e Stati e cominciare a parlare di città. Le città sono multiculturali, aperte, partecipative, democratiche e capaci di lavorare insieme, di interagire per risolvere i problemi quotidiani. Forse è venuto il momento che siano i Sindaci a governare il mondo perché affidabili, pragmatici, impegnati a risolvere problemi e "compaesani" perchè la città è anche la loro.

Si afferma un concetto nuovo, che la democrazia possa rinascere nella cosmopolis globale, in una nuova forma, più vicina ai cittadini.

 

Su questo argomento

La creatività nelle istituzioni: come governare con i giochi